30 cartoline per Como

9 luglio 2017

Nel 1978 Luisa Parisi pubblicò, per le edizioni La Ruota, una raccolta di 30 cartoline sciolte a colori e in bianco e nero dedicate a Como.

“…queste cartoline, da scrivere affrancare imbucare o raccogliere, sono state eseguite da artisti, con un preciso scopo e su un preciso soggetto. Vale a dire non come opere autonome e casuali semplicemente scelte, su una base di gusto, per essere riprodotte in formato cartolina, ma come “oggetti” progettati per rientrare in una convenzione ed essere usati secondo una convenzione. Ed è infatti anche “convenzionale”, per certi aspetti, che il soggetto sia un luogo, una città, un paesaggio, una Como stravolta, interpolata, frammentata, reinterpretata, fra dissacrazione e nostalgia…..Che poi si possa arrivare davvero a stereotipi postali come “cordiali sanesi”, “con un affettuoso del pezzo”, “tanti sinceri parisi” o “happy new baj” è tutto un altro discorso” (dal testo introduttivo di Datini).

Avevo diciotto anni nel 1978, quando vidi sulla scrivania di mio padre per la prima volta le 30 cartoline: era l’anno delle leggi eccezionali contro i sequestri di persona, dell’esecuzione di Aldo Moro, della legge Basaglia, dell’assassinio di Peppino Impastato, delle dimissioni di Giovanni Leone dalla carica di Presidente della Repubblica, del pontificato di Papa Luciani.

Como era una città reduce dalla approvazione, nel 1975, della variante generale al Piano Regolatore che aveva definitivamente cancellato la città da 1.000.000 di abitanti del piano del 1956. Erano chiarissimi i segni della fine del ciclo industriale, che avrebbero portato di lì a due anni alla chiusura con un telegramma da Parigi della Ticosa, non era chiarissimo il futuro.

Chiusa l’era post industriale, non realizzata completamente l’idea della città universitaria, nel 2017 Como è la città con il maggior incremento di flusso turistico d’Italia: a brevissimo dovrà decidere cosa vuole diventare.

Credo che i tempi siano maturi per le prossime 30 cartoline.

Dadamaino, Spallino, Royen
Veronesi, Maglione, Colombo
Tadini, Parisi
Tenchio, Summa
Cavaliere, Bentivoglio
Balderi, Staccioli, Somaini
Baj, Rescigno, Salvatore, De Vecchi
Sanesi, Maiello, Radice, Collina, Pardi, Pomodoro, Marano, Del Pezzo, Di Bello, Davide

Cartoline di Enrico Baj, Iginio Balderi, Mirella Bentivoglio, Alik Cavaliere, Giuliano Collina, Gianni Colombo, Antonio Davide, Bruno Di Bello, Lucio Del Pezzo, Gabriele De Vecchi, Nino Lo Duca, Milvia Maglione, Nino Maiello, Dadamaino, Ugo Marano, Franco Pardi, Ico Parisi, Arnaldo Pomodoro, Mario Radice, Giuseppe Rescigno, Peter Royen, Nicola Salvatore, Roberto Sanesi, Francesco Somaini, Nino Spallino, Mauro Staccioli, Summa, Emilio Tadini, Angelo Tenchio e Luigi Veronesi.