Day 20 Dio

È divertente il fatto che noi chiediamo a Dio di cambiare le nostre situazioni, senza renderci conto che è lui che ci mette in quelle situazioni per cambiare noi stessi.

No non sono religioso. Ora ti spiego.

Spesso deleghiamo la colpa delle nostre disgrazie a qualcuno o qualcosa di esterno: lo stato, la crisi, mio marito, la mia fidanzata, la mia migliore amica, ecc..

Spesso gli altri hanno la colpa di dove siamo noi oggi.

Spesso Dio prende la colpa di tutto, o meglio gli si danno le responsabilità di cambiare la nostra vita.

Preghiamo per una vita migliore.

Ma chi è Dio?

Non siamo forse tutti parte di un qualcosa più grande?

Tutto è collegato, tutti siamo collegati.

Non siamo noi stessi il nostro dio?

Io sono Dio, come tu stesso lo sei.

Io sono il mio Dio, ho il pieno potere di cambiare ogni aspetto della mia vita.

Non è essere come un Dio questo?

Quindi tornando alla frase iniziale: siamo noi stessi a metterci in certe situazioni, le cerchiamo addirittura.

Inconsciamente ci mettiamo in disagio, in situazioni difficili perché sappiamo che superando quelle situazioni potremo cambiare e migliorare noi stessi.

Una vita senza difficoltà in fondo che senso avrebbe di esistere?

Chi vorrebbe vivere una vita monotona senza condizioni negative?

Come faresti a conoscere il positivo senza il negativo?

Rispetto a quale situazione ti sentiresti felice se non conoscessi l’infelicità?

C’è bisogno di entrambe e nella vita fluttuiamo tra alti e bassi proprio per imparare a goderci ciò che abbiamo.

Si perché alla fine si tratta di capire che non tutte le cose negative lo sono veramente.

C’è sempre da imparare e da migliorare in ogni situazione.

Quindi chi si mette a chiedere a dio, a pregare di cambiare qualcosa nella propria vita, non sta facendo altro che fare richieste a sé stesso.

Richieste che però rimarranno parole e non si concretizzeranno in azioni.

Molto meglio chiedersi: che cosa posso fare ora, nel mio piccolo, per uscire da questa situazione?

Poi puoi pregare il tuo Io più grande di darti la forza, ma alle azioni, al vero cambiamento devi pensarci TU.