Day 73 Connections

Quanti amici amici hai?

No non su Facebook. Per davvero, nella vita reale.

Quanti puoi considerare davvero amici? Quelli che farebbero qualsiasi cosa per te e tu per loro lo stesso. Io li conto sulle dita di una mano.

Sono pochi, sono quelli che se anche non li senti da settimane, poi è come se non vi foste mai separati. Non si crea distanza perché siete vicini a livello interiore.

Su Facebook abbiamo in media 1000/2000 amici. Quanti di questi li conosciamo? Con quanti di questi interagiamo? Con quanti abbiamo cenato almeno una volta assieme? E con quanti abbiamo fatto figure di merda e fallito insieme? Qui si vedono le vere amicizie. La condivisione di esperienze.

Vivere emozioni insieme è ciò che rende una connessione una relazione.

Che senso ha avere migliaia di amici se poi veramente siamo soli!? Non è meglio avere una decina di veri amici? Bisogna puntare alla qualità.

La quantità ormai ha fatto il suo corso. Siamo diventati consumistici anche nelle relazioni con gli altri. Accumuliamo, accumuliamo persone che conosciamo e sfruttiamo in un dato momento poi via alla prossima.

Non perdiamo più tempo a creare e rinsaldare i rapporti. È più facile tagliare una connessione piuttosto che cucirla e ricostruirla se questa si rompe.

Altro gettone altro giro signori, venghino signori che la giostra gira!

Poi ci ritroviamo soli, con una vita misera e triste. Le relazioni di qualità sono ciò che rende la vita degna di essere vissuta.

Le esperienze migliori sono quelle condivise con le persone che amiamo. Se siamo sempre soli arriveremo sempre al 70-80% ma mai al massimo.

Mancherà sempre qualcosa, sentiremo sempre un vuoto nel nostro cuore. Sarà freddo, mancherà quel calore delle risate, delle serate insieme a fare nulla. Semplicemente a condividere la propria compagnia.

È un ritorno alle origini, alla base del mondo. Quando tutto era semplice. Un ritorno alla qualità.

Detto questo:
Alessandro ti ha inviato una richiesta di amicizia, vuoi accettarlo come amico?