Day 75 Poker

Nel poker, come in tutti i giochi di carte, devi ammetterlo bisogna essere fortunati. Con buone carte puoi vincere, hai davvero una grossa probabilità di vincere la mano.

Ma nel lungo termine chi vince a poker non è deciso dalla fortuna. Una persona può avere bruttissime carte e vincere contro una persona che ha carte fantastiche.

Certo, la persona che ha belle carte ha maggior chances di vincere la mano, ma alla fine il vincitore è determinato dalle scelte che ogni giocatore fa durante il gioco.

Le scelte su come giocare le carte che ci sono state assegnate. Anche se non le abbiamo scelte (non è colpa nostra) dobbiamo comunque trovare il modo di giocarle nella migliore via possibile (è nostra responsabilità).

Possiamo vedere la vita negli stessi termini. Abbiamo tutti delle carte. Alcuni migliori di altri. Le carte ci vengono date. Possono essere la famiglia in cui siamo nati, gli amici che abbiamo conosciuto, le nostre abilità pratiche e intellettuali.

E mentre è facile dare la colpa alle carte e lasciarsi andare a ciò che abbiamo in mano, la vera sfida sta nelle scelte che decidiamo di fare con quelle carte, i rischi che decidiamo di prendere e le conseguenze con cui decidiamo di vivere.

Le persone che fanno le migliori scelte nelle situazioni che accadono loro sono anche quelle che vincono a poker, come nella vita. E non sono necessariamente le persone con le carte migliori.

Date le circostanze, sta a noi decidere come saltarne fuori. Possiamo giudicare gli altri, dare loro la colpa di tutto ciò che ci accade. Oppure prenderci le responsabilità della situazione e fare del nostro meglio per saltarne fuori e ricavarne il meglio.

Anche se le carte sono già state assegnate, c’è sempre la possibilità di vincere la mano.

E mano dopo mano, piccoli traguardi dopo piccoli traguardi, arriveremo a vincere la partita. La partita della nostra vita.