Editoria a scuola

Da diversi anni Aguaplano organizza incontri, seminari e presentazioni per i ragazzi del Liceo Classico Annibale Mariotti di Perugia. Una sorta di tradizione che spesso coincide con la fiera UmbriaLibri e che negli anni ha riguardato parte del nostro catalogo di poesia, storia, filosofia, arte e critica letteraria.

Recentemente siamo stati coinvolti in un progetto più ampio e ambizioso nell’ambito della cosiddetta alternanza scuola-lavoro e, attraverso una convenzione stipulata con la Regione Umbria, abbiamo incontrato i ragazzi del terzo anno per alcune intense sessioni dedicate al lavoro editoriale. Se già in passato abbiamo potuto constatare l’attenzione, l’educazione, la curiosità e la partecipazione degli alunni del Mariotti, in occasione di questi incontri siamo rimasti davvero stupiti dal loro entusiasmo. In tre distinti laboratori di 4 ore ciascuno, tenuti da Raffaele Marciano e da Davide W. Pairone, si è parlato di ruoli e prerogative all’interno di una casa editrice, di software per l’impaginazione e la grafica, di copertine, carta, legatura, tecniche di stampa ma anche di ebook, di copyright e diritto d’autore, di distribuzione, comunicazione e promozione del libro. Insomma di tutta la filiera produttiva, andando anche nel dettaglio di aspetti tecnici che non hanno annoiato i ragazzi ma anzi sollevato domande e curiosità inaspettate.

Il progetto che il Liceo Mariotti sta mettendo in campo è articolato e va ben al di là delle sessioni di incontro con noi di Aguaplano; queste infatti sono state propedeutiche al lavoro dei docenti, impegnati con le classi ad approfondire specifici percorsi tematici e interdisciplinari sul teatro, la traduzione, l’autorialità, il giornalismo finalizzati alla pubblicazione di libri veri e propri. Un plauso va in particolare agli insegnanti, che con il loro entusiasmo e la loro competenza hanno permesso ai ragazzi di scoprire un mondo che spesso resta dietro le quinte o comunque sottotraccia. Ci auguriamo che il progetto prosegua nel migliore dei modi e che in futuro venga magari ripetuto, perché ogni occasione di approfondimento genera consapevolezza e, si sa, il fragile sistema dell’editoria ha esattamente bisogno di (giovani) lettori consapevoli che possano essere i protagonisti del mondo-libro di domani. Ad maiora!

Like what you read? Give Aguaplano a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.