La Seconda

Nada Atika (INA AFS to Italy YP 16–17)

In Italiano

In questi cinque mesi, io ho: avuto il mio primo Natale, visitato tanti posti bellissimi, fatto il mio primo interrogazione, visto qualche film in italiano e riesco a capire, parlato romanesco, mangiato sushi italiano, cucinato la mia prima pasta, e anche sbagliato autobus (si dice che ogni studente di scambio almeno una volta hanno sbagliato autobus).

Da ottobre a gennaio, c’è stato un progresso signicativo del mio scambio; principalmente causato dal mio italiano che ha migliorato. Posso dire che ho trovato il ritmo della mia nuova vita qui. Sono abituata ad avere latte e biscotto (qualche volta anche il ciambellone) per colazione e pasta per il pranzo oppure la cena, prendere l’autobus da sola per tornare a casa dalla scuola, la piccolissima tazza di caffè — bevuto soltanto in 5 secondi, il sistema scolastico, tutte le mie routine e da non dimenticare le cose piccole.

In English

In these five months, I have: had my first christmas, visited many beautiful places, had my first interrogation in class, been able to understand some movies in Italian, spoken the local dialect, eaten Italian sushi, made my first pasta, and even taken a wrong bus (they said every exchange student must have taken a wrong bus at least once).

From October to January, there was a significant progress of my exchange; mainly caused by my improved Italian. I can say that I have found the rythm of living here. I am used to having milk and biscuits (sometimes ciambellone) for breakfast and pasta for lunch or dinner, taking the bus alone to go home from school, the tiny cup of coffee — drunk in just 5 seconds, the school system, all my routines and not to forget the little things.

In Italiano

Piano piano, io sto cambiando. Mi sono reso conto quando sto parlando con i gesti delle mani casualmente, mentre discutendo con la mia amica su come fare la pasta. Ho iniziato a pensare come un’italiana. Mi sono tuffato abbastanza profondo per vedere la parte più grande degli iceberg culturale.

In English

Slowly and unconsciously, I’m changing. I recognized that when I caught myself talking with hand gestures casually while discussing with my friend about how a pasta should be made. I start to think as an Italian. I have dived deep enough to see the bigger part of the cultural iceberg.

In Italiano

Non voglio dire che il tempo è passato velocemente, perché ci sono anche i giorni che sembrano lunghissimi. Però, nella vita, anche alla nostra zona di comfort, ci siano sempre dei momenti alti e bassi. Sì, faccio sbagliare, ma da loro imparo. “Chi non fa non sbaglia mai,” mio papà mi ha detto.

Recentemente qualcuno mi ha chiesto: “Adesso stai in mezzo. Quale preferisci dire, ‘io ho ancora altri 5 mesi’ oppure ‘io ho soltanto 5 mesi’?” Gli ho risposto, “quella seconda”.

In English

I will not say that time flies quickly, as there are days that felt like it’s taking forever. But, in life, even in our comfort zone, there are always ups and downs. Yes, I do make mistakes, but I learn from them. “Chi non fa non sbaglia mai,” my host dad said. It literally means “who does nothing will never fail”.

Lately I was asked by someone: “Now that you’re in the middle, which one would you prefer to say, ‘I still have 5 months to go’ or ‘I only have 5 months left’?” I answered, “the second one.”