Congresso MedCam: Prof. Giuseppe Di Fede tutte le relazioni tra alimentazione, genetica e ambiente

In occasione della 5° edizione del congresso MedCam, che si svolgerà a Bardolino (Lago Di Garda) dall’8 al 10 Maggio nell’hotel Cesius Terme, il Prof. Giuseppe Di Fedeinterverrà sul tema dell’alimentazione come strumento di prevenzione.

Tra i vari Relatori che interverranno durante la tre giorni del quinto Congresso Internazionale delle Medicine non Convenzionali e Scienze Olistiche — MedCam, sarà presente per la prima volta quest’anno il Prof. Giuseppe Di Fede con la relazione dal titolo: “Dalle allergie alimentari alla nutrigenomica. Come l’alimentazione può aiutarci a prevenire le malattie e il ruolo della genetica”.

Il Prof. Giuseppe Di Fede, Medico Chirurgo nonché Direttore Sanitario dell’Istituto di Medicina Biologica di Milano, Direttore Sanitario dell’Istituto di Medicina Genetica e Preventiva di Milano, Prof a.c. Nutrigenomica Università di Pavia e Vice Presidente A.R.T.O.I. (Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate), tratterà nella sua relazione, in occasione del congresso di Medicina non Convenzionale MedCam, l’argomento dell’alimentazione come strumento di difesa per alcuni tipi di patologie.
La nutrizione, infatti, rappresenta uno strumento di prevenzione, o malattia, che emerge sempre più chiaramente da studi epidemiologici e di coorte svolti in tutto il mondo.
Il Prof. Di Fede nella sua relazione illustra come l’interazione gene-ambiente, meglio definito come “epigenetica“, giochi un ruolo fondamentale per favorire condizioni ambientali nocive per l’organismo.
Gli studi scientifici condotti attraverso il progetto genoma, infatti, hanno fornito un input importante per capire i fini meccanismi che regolano i rapporti tra costituzione — ereditarietà — ambiente. È possibile, dunque, tradurre tutto questo in una sola parola: “nutrigenomica“. Con questo termine la scienza definisce i rapporti tra l’influenza degli alimenti sull’espressione genomica e in che modo i geni, e anche le proteine prodotte, sono influenzate dall’alimentazione.
Il Prof. Di Fede nella sua relazione rileva, inoltre, come le patologie neoplastichesiano influenzate per un buon 30% da questi fattori. La nutrigenomica ci deve aiutare a scegliere nutrienti che sono più “affini” al proprio organismo.
La prevenzione inizia a tavola, conoscere le proprie caratteristiche genotipiche, ci aiuta ad ammalarci di meno, stare più in salute e aggiungere vita agli anni.
Riguardo a un tema così rilevante, è importante mettere a confronto le più autorevoli raccomandazioni in tema di prevenzione.

Il congresso MedCam ha tra le sue finalità quello di Educare alla Conoscenza e diEducare l’Educatore attraverso il confronto, l’approfondimento e lo scambio di relazioni su tematiche esperienziali. Il Programma Scientifico di MedCam è impreziosito dalla presenza di Relatori di eccellenza e prevede, oltre alle sessioni plenarie, anche la nutrita sessione Call for Abstract che permetterà ai partecipanti di esporre le proprie ricerche e metodiche per mezzo di poster e dissertazioni orali, e di prendere parte a sessioni pratico-dimostrative. Un’occasione per condividere e dare il proprio contributo alla costruzione e allo sviluppo di un percorso terapeutico integrato, consapevole, sociale e sostenibile che abbia sempre al centro l’interesse e la cura della persona nella sua totalità.

3 giorni, 60 relatori, 40 sessioni Call For Abastract, sessioni pratico-dimostrative, per riunire in un’unica sede le tematiche afferenti alle Medicina Non Convenzonale e alle Scienze Olistiche approcciate nella loro multidisciplinarietà al fine di integrarle con altre scienze quali la fisica moderna, la meccanica quantistica, le neuroscienze e la biologia con lo scopo ultimo di riscoprire il trait d’union che le lega, le integra e ne accomuna la visione olistica e che eleva il paziente semplice a sistema-uomo complesso.

Fonte: MedCam