I segni della vita

E se la vita ti inviasse dei segnali?

Ho sempre pensato che il destino non è scritto e ho imparato che nella vita niente si può controllare. Non puoi controllare la reazione delle persone, non puoi controllare le relazioni, non puoi controllare niente di niente, neanche la vita stessa ma credo che la vita dia dei segnali.

Un bando riaperto, la possibilità di partire per un’esperienza lavorativa, l’occassione di collaborare per un blog. Spesso quando camminiamo, non notiamo questi piccoli segnali, perchè siamo troppo presi per eseguire alla perfezione il programma della vita.

Mi torna in mente la fiction “ C’era una volta studio Uno ” dove Rita sognava di diventare cantante, faceva di tutto pur di registrare la sua voce, ma fin da piccola sapeva cucire e fu così che entrò come sarta. A volte siamo convinti che quella è la propria strada ma la vita ogni tanto prova a farti cambiare direzione.

Bob Marley dice “E se un sogno ha così tanti ostacoli, significa che è quello giusto.” si ma bisogna anche capire se quel sogno è fatto per noi stessi.

Fin da piccoli, veniamo cresciuti con il senso di programmare la vita: studiare, laurearsi, trovare lavoro, con la mania del controllo. Dove l’errore è visto come un fallimento e non come un’opportunità.

Continueresti a scalare montagne per raggiungere il tuo obiettivo o ogni tanto ti fermeresti per guardare il panorama?

“L’arte di vincere la si impara nelle sconfitte”

cit. Simon Bolivar

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.