Due ufficiali della Polizia Locale di Bergamo con l’autoscan

Nei numeri è la sicurezza (scriveva Giovenale): ecco quelli 2016 della Polizia Locale del Comune di Bergamo

L’impegno c’è e i numeri lo dimostrano: nonostante la contrazione del numero di agenti per strada, il Comune di Bergamo registra un anno straordinario per quello che riguarda l’attività della Polizia Locale in città. E i cittadini dimostrano di fidarsi sempre di più degli agenti di via Coghetti, non solo per questioni di viabilità.

L’andamento dei reati, in effetti, rileva un declino che, peraltro, era cominciato a metà del 2007. Tuttavia, nel corso degli ultimi anni, si è sviluppato senza variazioni tali da giustificare mutamenti di umore tanto violenti. Non sono i fatti ad aver cambiato le opinioni. Al contrario: le opinioni si sono separate dai fatti. Ciò suggerisce che i cicli dell’insicurezza siano favoriti e scoraggiati, in qualche misura, dal circuito fra media e politica. (Ilvo Diamanti)

Si è da poco chiuso il 2016 e la Polizia Locale del Comune di Bergamo ha presentato il tradizionale resoconto annuale della propria attività sul territorio. Un appuntamento atteso dai media cittadini e dalle forze politiche del Consiglio Comunale di Bergamo, sorta di cartina tornasole dell’impegno del Corpo con sede in via Coghetti e dell’Amministrazione in tema di sicurezza. Per il secondo anno consecutivo i dati della Prefettura dimostrano una diminuzione dei reati in città e in questo senso il corpo di Polizia Locale ha cercato di metterci del proprio, nonostante si sia registrata una contrazione ulteriore del numero di agenti, scesi a fine 2016 a 146.

Una contrazione di effettivi alla quale non corrisponde una contrazione dell’attività: più presidi fissi, un grande impegno per migliorare la sicurezza stradale, più arresti, sequestri di sostanze stupefacenti e di merce contraffatta o avariata. Grazie all’introduzione di apparecchi di controllo elettronici innovativi e alla riorganizzazione strutturale del Corpo (avvenuta nel corso del 2015 e che ha portato ad una migliore efficienza) i risultati della Polizia Locale di Bergamo si dimostrano di altissimo livello. Notizie importanti in vista del 2017, anno in cui saranno formalizzate 8 nuove assunzioni, dopo un lungo periodo di blocco del personale dovuto all’attuazione della riforma delle province e al blocco del turnover imposto da norme nazionali.

Forte l’impegno sul piano della sicurezza. È aumentato il numero di presidi fissi in zone sensibili della città, portato da 3 a 5: ai presidi di via Quarenghi , via Moroni e Piazzale Marconi sono stati affiancati quelli di via Bonomelli e quello al quadriportico in occasione delle festività natalizie, per un totale di 3672 ore dedicate.

La mappa dei 5 presidi fissi della Polizia Locale nel 2016

Sono stati effettuati 15 arresti (3 per spaccio, 3 per rapina, 3 per resistenza violenza e lesioni a pubblico ufficiale, 2 per possesso e fabbricazione documenti falsi, 1 per furto, 1 per maltrattamento in famiglia, 1 ordinanza custodia del tribunale dei minori, 1 per reingresso illegale territorio). Giro di vite sullo spaccio (oltre ai 3 arresti, sono stati effettuati 48 sequestri di sostanze stupefacenti) e crescono anche i servizi anti-accattonaggio e contro la prostituzione.

Risultati positivi ha fruttato inoltre l’esperimento del servizio di Guardie Giurate, predisposte alla vigilanza durante le ore notturne: per la prima volta nella sua storia il Comune di Bergamo è stato in grado di presidiare il territorio cittadino lungo tutto l’arco della giornata. L’esperimento 2016 è durato ben quattro mesi: in 1440 ore di attività sono stati attivati 28 interventi e 16 segnalazioni per danneggiamento dell’arredo urbano. Per questo motivo il Comune di Bergamo intende replicare l’iniziativa e il bando per l’acquisizione del servizio sarà pubblicato entro l’estate 2017.

Il 2016 è stato l’anno della sicurezza sulle strade: grande sforzo ha prodotto in questo senso la Polizia Locale su tutto il territorio cittadino, intensificando i controlli e avvalendosi di nuovi strumenti tecnologico come l’autoscan e il Police Controller. Anche grazie all’autoscan, predisposto al contrasto della circolazione di veicoli privi di assicurazione e di revisione periodica obbligatoria, è stato possibile rilevare 932 violazioni (+65,25%) per mancata revisione e sanzionare 78 veicoli tra novembre e dicembre nell’ambito dei servizi anti-inquinamento.

Tramite il Police Controller sono cresciuti i controlli sui mezzi pesanti in città (con 44 sanzioni) al fine di contrastare condotte pericolose come il mancato rispetto dei tempi di riposo. Attraverso il sistema Telelaser, invece, sono state ravvisate ben 461 violazioni per il superamento dei limiti di velocità e ritirati 388 documenti di guida.

Cresce il numero complessivo delle infrazioni al Codice della Strada: la quantità complessiva risulta in linea (con un incremento del 4%) con l’anno 2015, con una crescita dovuta, come previsto e dichiarato più volte dall’Amministrazione, dall’attivazione di ben 12 nuove telecamere a presidio delle ztl (11 a protezione di Città Alta e 1 di via San Bernardino nelle ore notturne). Delle 145.933 violazioni totali del 2016, ben 52.835 sono infrazioni rilevate elettronicamente al varco delle zone a traffico limitato.

Meritano infine un approfondimento due interessanti attività del Corpo di via Coghetti: sono stati effettuati in circa 6 mesi ben 106 controlli — con 11 sanzioni — per verificare il rispetto delle nuove normative comunali per contrastare il gioco d’azzardo patologico. Non solo: il Comune di Bergamo ha mappato tutti i luoghi della città in cui è possibile giocare, dimostrando un monitoraggio straordinario e mai realizzato prima per quello che riguarda il fenomeno del gioco d’azzardo.

Lo screenshot della mappa del gioco a Bergamo, realizzata dal Comune di Bergamo

Infine ben 91 sono stati i sequestri di merce avariata (230 kg) e contraffatta in città.

Interessanti anche i dati riguardanti gli esposti dei cittadini alla Polizia Locale: la maggior parte delle segnalazioni (ben 288) riguardano sosta selvaggia e violazioni del codice della strada, ben 115 richieste di controlli su cantieri e lavori edilizi, 132 concernono controlli nei parchi, 57 su un non corretto smaltimento dei rifiuti, 46 su animali (di cui 6 per maltrattamenti), una cinquantina su situazioni di accattonaggio.

“Si tratta di risultati che dimostrano con quanta costanza e impegno l’Amministrazione e il Corpo di Polizia Locale cerchino di presidiare il territorio a 360°. — sottolinea il ViceSindaco Sergio Gandi — Vorrei ringraziare gli ufficiali e gli agenti del loro quotidiano lavoro sul territorio: essere riusciti a mantenere standard qualitativi così elevanti — di molto superiori a quelli di qualche anno fa — nonostante la progressiva riduzione del numero di agenti a disposizione dimostra le recenti novità introdotte nel Corpo abbiano consentito al Corpo di lavorare meglio. Nel 2017 potremo finalmente assumere forze fresche, potenziando così i controlli sul territorio: il calo dei reati in città degli ultimi due anni ci sprona a fare ancora meglio, cercando di venire incontro alle esigenze di sicurezza dei nostri concittadini. Lo scorso anno abbiamo ascoltato, attraverso un ciclo di appuntamenti con le reti sociali, le istanze e i problemi dei quartieri: ne è emersa una mappa molto utile, che ci aiuterà a mirare gli interventi in questo 2017. Tra qualche settimana inoltre avvieremo l’Osservatorio Partecipato sulla Sicurezza urbana, uno strumento che sono certo possa essere utile a monitorare meglio i fenomeni di degrado a Bergamo.”

Infine, da non dimenticare che nel 2016 la Polizia Locale di Bergamo si è aggiudicata un importante premio all’Assemblea Nazionale ANCI, come miglior operazione di Polizia Locale dell’anno grazie al sequestro di diversi quintali di cibo avariato in un market di via Quarenghi.

Tutti i numeri della Polizia Locale di Bergamo per quel che riguarda il 2016