Spazi estivi a Bergamo, cosa aspettarsi dall’Estate 2017

Assegnati come da tradizione gli spazi estivi in vista della bella stagione 2017: sono stati in tutto 7 i progetti presentati per cinque spazi cittadini. Competizione solo per lo spazio esterno al Parco Goisis, per il quale è pervenuta più di una richiesta, ben tre. Ma cerchiamo di capire cosa aspettarsi nei prossimi mesi in città. E per piazzale Alpini c’è ancora speranza.

Nella giornata di mercoledì 12 aprile la Commissione del Comune di Bergamo si è riunita per valutare le proposte pervenute e ha decretato le attività destinate ad animare il parco di Sant’Agostino e lo spalto di San Michele in Città Alta, il parco della Trucca e il Goisis per Città Bassa fino a settembre.

Confermato il format degli ultimi anni al Parco Sant’Agostino, dove una quindicina di attività commerciali di Bergamo Alta propongono un’aggregazione coordinata dalla Comunità delle Botteghe del Centro Storico.

Il progetto degli scorsi anni al Parco Sant’Agostino

Il progetto e la struttura sono del tutto simili a quelli dello scorso anno e quindi non ci saranno grosse sorprese riguardo l’aspetto di uno degli spazi più vissuti e apprezzati dell’estate bergamasca. Saranno 15 le attività commerciali di Bergamo Alta a costruire l’evento 2017, con le conferme, tra gli altri, de La Marianna, Cavour, Fly Pub, Elav, Tucan’s, da Mimmo.

Nel 2017 non ci sarà lo spazio dello spalto di San Giacomo — l’Amministrazione lo ha stralciato dalla lista dei luoghi messi a bando — ma c’è, come tradizione vuole, quello di San Michele sulle Mura Veneziane. Diverse le novità: saranno 7 attività commerciali di Bergamo Alta a costruire qui la proposta estiva 2017, secondo un modello del tutto simile a quello del Parco Sant’Agostino. Pianone, RYU, BiGigi sono tra le attività proponenti, a dimostrazione di quanto continui e progredisca l’aggregazione delle attività del Centro Storico, in un’ottica di collaborazione sempre più allargata e nella quale confluiscono attività commerciali vecchie e nuove.

Tra le novità della proposta 2017, la “giornata delle Cannoniere”, alla scoperta degli spazi sotterranei delle Mura, e l’assenza di un palco per le esibizioni, in direzione di una musica di sottofondo dal volume contenuto, a tutela dei residenti. Le proposte della Comunità delle Botteghe sono state le uniche presentate per gli spazi di Bergamo Alta.

Conferma anche al Parco della Trucca, dove il 30&Lode Café di via dei Caniana si aggiudica (unico proponente) lo spazio di aggregazione e somministrazione all’interno del più grande parco cittadino. Particolarmente accentuata la proposta sportiva all’interno del parco, con corsi e giornate all’insegna di acroyoga, sambafit, crossfit, aikido, capoeira, rugby.

Il parco della Trucca, vero polmone verde della città di Bergamo

Novità l’installazione di campi da volley e da calcio tennis (per i profani, sport giocato con pallone da calcio e con i piedi, ma con una rete da tennis a dividere in due il campo). Per quello che riguarda l’offerta musicale, il Comune di Bergamo ha chiesto attenzione e rispetto nei confronti del vicino ospedale, con un contenimento dei decibel per non infastidire i pazienti. Nel palinsesto presentato dal 30&Lode Café spicca l’appuntamento con il Vava 77, intrattenitore e doppiatore bergamasco molto apprezzato in provincia.

L’aspetto 2016 dello spazio esterno al Parco Goisis

Competizione serrata invece per quello che riguarda lo spazio esterno al Parco Goisis, novità molto apprezzata dell’estate 2016: Tassino e Nutopia si aggiudicano la competizione, battendo di qualche punto la proposta del Fly Pub, con un progetto all’insegna della musica (con un’articolata proposta di giovani band bergamasche e internazionali), dello sport (tra le competizioni in calendario anche tornei di volley a cura di Uisp Bergamo, Baskin e calcio 3vs3), martedì con i burattini, cineproiezioni in collaborazione con Lab80. Per quello che riguarda la parte enogastronomica, spicca l’offerta legata alla Regione Gastronomica Europea 2017 EastLombardy, con una speciale attenzione alle paste ripiene delle province della Lombardia Orientale, al torrone di Cremona e ai vini della Franciacorta.

Speranze ancora vive per quello che riguarda il Piazzale degli Alpini: è pervenuta una proposta, ma mancante di documentazione necessaria e pertanto rimandata a ulteriori approfondimenti. Interessante la proposta di creare un connubio enogastronomico italo-argentino, con ricette provenienti da entrambe le cucine, e di installare campi sportivi in un’area che si è dimostrata molto apprezzata e frequentata durante i fine settimana dedicati ai mercatini di Natale e allo street food. La Giunta valuterà eventuali approfondimenti nelle prossime settimane.

Accanto agli spazi del Comune di Bergamo, torna anche nel 2017 la proposta del Monastero di Astino da parte della Fondazione MIA. Si punta a un’estate sobria, con mostre, musica classica, cultura e gastronomia slow.

Confermati gli operatori per quello che riguarda la somministrazione di cibo e bevande: il birrificio orobico Elav si accompagna anche nel 2017 a La Marianna e Mimmo. Due le mostre allestite nel refettorio: la prima è fotografica, su Mario Giacomelli, dal 20 aprile al 31 luglio, a cura di Corrado Benigni e Mauro Zanchi. La seconda è il Monastero restituito, dal 28 aprile al 31 ottobre, a cura di Alessandra Civai. C’è anche una sezione sulla Biblioteca monastica, l’allestimento di due reliquiari, la proiezione di un video Astino stories. Narrazioni, ricordi, emozioni. La musica è classica grazie alle collaborazioni con Ab Harmoniae onlus, Estudiantina, Conservatorio Donizetti, associazione Abbm. Si potranno noleggiare bici, perché il complesso monumentale è all’interno del più ampio sistema del Parco dei Colli con una serie di percorsi da fare a piedi o in bici.