Online chi?

Nel 2016, al tempo degli smartphone, con la digitalizzazione, le lavagne elettroniche, gli iPad al posto dei libri già alle elementari, la smart TV, a me non è concesso di poter seguire un corso universitario o un master online.
Perchè?

Semplicemente perchè, a meno di 10 km dal centro della città di Piacenza, in aperta Pianura Padana, in una zona residenziale e nella quale sono presenti anche attività commerciali, non arriva l’ADSL.
Non sto parlando del rifugio in montagna, ma di una casetta degli anni 60 che si trova nel comune di Piacenza, è vero non abito in centro, ma nemmeno sul monte Pirlone. Eppure così è!
Vorrei poter avere l’opportunità, una volta finita la mia giornata lavorativa, di poter continuare la mia formazione professionale, ma tutto questo mi è precluso, perchè nella zona in cui abito nessun gestore telefonico ha mai investito e portato “l’Internet”, quell’entità oscura che è entrata nella nostra quotidianità e della quale non possiamo fare a meno.

Attenzione: non mi sto lamentando della lentezza, ma del fatto che qui non abbiamo l’ADSL, la fibra poi è un sogno!! Il modem 56k potrebbe sembrare la mia unica salvezza, ma provate voi a seguire un video corso a 56k, o a seguire un corso in live streaming!

Qui non si tratta di non essere connessi ad Internet per aggiornare lo status di Facebook o postare la foto della colazione su Instagram, sì, la food blogger che è in me non vedrebbe l’ora di poterlo fare senza finire i giga del mio già generoso gestore telefonico, si tratta però di vedermi precluse possibilità come vedere film in lingua originale tramite Netflix per mantere vivo il mio inglese arrugginito, poter lavorare da casa qualora io abbia necessità di finire un progetto iniziato in ufficio, e cosa più importante mi impedisce di formarmi ulteriormente tramite webinar o addirittura corsi universitari o master online.

Con uno stipendio da apprendista, non posso permettermi un contratto per avere internet via satellite per supplire ad una mancanza di infrastrutture assurda dato che le case a meno di 5 km da dove risiedo hanno l’Adsl!

Dopo innumerevoli segnalazioni e richieste a Tim/TelecomItalia, Wind/Infostrada, Vodafone, Fastweb, tutte con esito negativo, e dopo l’ennesimo scambio epistolare con Tim a cui ovviamente è seguito un buco nell’acqua ed una massiccia dose di Maalox, non so più cosa fare se non render pubblica questa situazione che è al limite dell’incredibile.

Chissà che qualcuno leggendo non si metta una mano sul cuore e l’altra sul portafoglio e decida di investire in questa zona (non così tanto sperduta) dimenticata da Internet.

#ilfuturoèditutti #InnovaconNoi #SmartWorking #BandaLarga #Tecnologia #Digital #SmartCity #Internet #Adsl #Piacenza

Like what you read? Give Giulia Cook Eat Love a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.