The Witcher 3 è davvero il non plus ultra dei gdr?
Revan
23

Niente da dire su leveling, nemici e reazioni del mondo: tutte cose vere, ma secondo me ininfluenti nell’economia generale del gioco.

Ho qualcosa da ridire, invece, su quest design e skill tree. Sul primo, per quanto la struttura *è* a tutti gli effetti semplificata e ripetitiva, le parti banali della quest non sono mai pesanti e fanno da infrastruttura per la storia della quest, creando una base che preannuncia l’intreccio. Non è interessante a livello di gameplay, ma funziona a livello di trama e non pesa.

Lo skill tree è un’idea concettualmente interessante perchè ti spinge a creare delle build effettivamente sensate, creando una struttura diversa dal classico “ammasso tutte le abilità utili” degli RPG. Il problema nasce dal fatto che quasi tutte le abilità richiedono di passare per abilità inferiori che non ti interessano, richiedendo uno spreco di punti e fa passare la voglia di accumulare punti per le abilità più interessanti.

My two cents. Hai ragione nel dire che, individualmente, molti aspetti del gioco siano criticabili, ma allo stesso tempo nell’economia globale del gioco tutto funziona piuttosto bene, che è quello che conta. È facile criticare Halo per aver introdotto due armi e vita rigenerante, ma nel gioco stesso funziona molto bene. La gente deve prendere esempio da Witcher 3 perchè è un gioco diddio, non perchè le sue meccaniche singolarmente sono incredibili necessariamente.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Dyni Crippler’s story.