Gianni Ricci: «Pronti a dare il nostro contributo alla UIL nazionale»

«Siamo certi di poter arricchire la discussione in corso sulla riorganizzazione della UIL a livello regionale e nazionale». Così Gianni Ricci, segretario generale della Uil Foggia, ha aperto i lavori delle segreteria congiunta regionale e provinciale tenutasi nella nuova sede di Foggia (via Fiume, 40) alla presenza del segretario generale regionale Aldo Pugliese per illustrare il percorso che porterà alla prossima conferenza organizzativa nazionale della Uil.

«La bozza iniziale non ci convinceva affatto. Era incentrata su una regionalizzazione piuttosto miope. Attraverso una serie di revisioni, siamo arrivati ad un’ipotesi più vicina alla filosofia del modello a rete che ha permesso alla UIL di Capitanata di diventare un’eccellenza. La cartina di tornasole del lavoro fin qui svolto è questa bellissima sede realizzata con tanti sacrifici e gioco di squadra per fornire ai cittadini servizi sempre più efficienti», ha affermato Ricci che ha rimarcato: «Stiamo crescendo e siamo disposti a dare il nostro contributo alla riorganizzazione della UIL su scala nazionale».

Sulla stessa lunghezza d’onda, Aldo Pugliese: «Oggi la UIL può vantare 260 sedi aperte in tutta la Puglia. Siamo primi in Italia per numero di iscritti. Ma la crescita della UIL in tutto il Paese avviene in un momento delicato per il sindacato in Italia. Stiamo percorrendo con decisione la via dell’unità sindacale e della costituzione della federazione unitaria. Ed è per questo che dobbiamo essere pronti a cambiare. La UIL Puglia deve arrivare alla prossima conferenza organizzativa con una proposta che sia in grado di potenziare e migliorare il modello a rete», ha proseguito Pugliese che si è in seguito soffermato sugli aspetti tecnici della riorganizzazione: «creare coordinamenti zonali, di quartiere, di municipio. Mettere in rete gli rsu, i rappresentanti sindacali nei luoghi di lavoro, i dirigenti sindacali e tutte le nostre energie. Questa è la strada che la nuova UIL Puglia deve seguire per coinvolgere ed essere sempre più vicina ai cittadini»

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.