Che cos’è la net neutrality e vale la pena interessarsene?

Il 12 luglio è il giorno dedicato alla neutralità della rete. https://www.battleforthenet.com/july12/

Ci tengo a precisare che questo articolo è scritto da una persona che probabilmente non supererebbe il test di italiano per lo Ius Soli. 
Probabilmente ho pure mistificato ‘sta benedetta Net Neutrality, ma state tranquilli, non vendo sogni ma solide realtà.

Che cos’è la net neutrality e perché sono qui a leggere ste cavolate?

Il concetto di neutralità della rete è abbastanza aleatorio e non è ben definito, ognuno ha la propria versione, ma si potrebbe definire come una serie di pratiche atte ad impedire favoreggiamenti (o sfavoreggiamenti) da parte di provider o gestori vari a seconda del servizio che si utilizza.

Vabhé, ma io che c’azzecco?

Per navigare sul tuo sito di gattini preferito il tuo computer o il tuo smartphone manda una serie di messaggi/pacchetti al tuo gestore che provvederà a contattare il servizio richiesto, otterrà una risposta e te la manderà indietro. Questo accade migliaia di volte al secondo.

Per far funzionare internet c’è bisogno di una serie di protocolli che permettono ad un messaggio di andare da X a Y, ed in genere il gestore non tiene conto del contenuto di questi messaggi/pacchetti.

Di recente però si è vagliata la possibilità che gli operatori, per tutta una serie di ragioni che spiegherò più avanti nell’articolo, possano agire sul contenuto del messaggio e agire di conseguenza.

Madò! nun ce sto a capì gnente, parli troppo strano

Esempio pratico: 
Ipotizziamo che siate abbonati al vostro operatore nazionale, siete bel belli su Reddit a guardare foto di gattini, ma ad un certo punto volete fare binge watching della vostra serie tv preferita, appena uscita. 
Andate sul vostro fidato Netflix ma vi rendete conto che qualcosa non quadra, la puntata carica molto lentamente. Lasciate correre per qualche giorno e scoprite poi una fantastica promozione del vostro operatore che più o meno dice: “Naviga più velocemente su Netflix e questi altri 10 siti fantastici! A soli 9.99€/mese” 
Sostanzialmente, paghereste 9.99€ al mese per ottenere la stessa velocità che avreste su un sito non “strozzato”.

La filosofia della Net Neutrality vuole impedire questo genere di pratica al fine di garantire la banda massima disponibile dal piano per tutti i servizi o siti, qualsiasi essi siano.

Ovviamente ciò non vuol dire che la net neutrality aumenti la vostra velocità di navigazione. Se, per esempio, adesso pagate per abbonamento che fornisce massimo 20Mbps, viaggerete sempre e massimo a 20Mbps (limiti tecnici permettendo).

Non solo velocità ma anche quantità

No, non è solo una cosa che ti ha detto la ragazza riguardo i pregi del suo ex fidanzato.

La Net Neutrality non si basa solo sulle velocità di navigazione, possono andare ben oltre, possono essere ben peggio.

Ipotizziamo che siete lì, bel belli, col vostro portatile, mezzi assopiti sul divano che guardate la serie tv di prima (in fondo si chiama binge watching perché uno guarda solo quella serie da capo a coda), e ad un certo punto vi arriva un messaggino dal vostro provider che dice circa: “Ciao Cliente, hai esaurito il traffico mensile di navigazione verso Netflix. Puoi acquistare un pacchetto aggiuntivo di traffico per Netflix a soli 9.99€”.

Cosa è appena successo? Il vostro operatore ha deciso che SOLO per quel sito (o pacchetto di siti), il vostro abbonamento teoricamente illimitato in quantità di dati trasmessi adesso ha un limite di traffico per un sito specifico.

Immaginate di guidare in autostrada, ad un certo punto vi ferma il gestore dell’autostrada per dirvi “dammi altri 10€ per proseguire fino alla fine dell’autostrada”.

La net neutrality non è solo a favore dei consumatori

La net neutrality, questa mistica panacea di tutti i mali del mondo digitale non è solo per i consumatori.

Nulla vieta ad un provider di dire a colossi di servizi come Google o Amazon o Netflix qualcosa come: “Se non pagate una tassa di tot milioni di euro, tutti i nostri clienti non vedranno neanche una pagina dei vostri siti.”

Pro e contro alla net neutrality

Sostanzialmente le fazioni sono due: i fornitori di servizi (google, facebook, Netflix e mettece tu l’altri) che sono molto a favore della net neutrality (per il semplice fatto che i loro servizi diverrebbero meno accessibili al pubblico, altrimenti). I provider, invece, sono spesso contro. La net neutrality elimina una fonte di guadagno non da poco per loro, che potrebbero proporre pacchetti premium per favorire un lotto di servizi (tipo i 10 siti più navigati globalmente) a pagamento e senza restrizioni.

Di recente un noto operatore telefonico ha fatto una promozione che ti offre 10Gb di traffico dati mobili, ma solo 5 di questi sono utilizzabili per la navigazione classica, mentre gli altri 5 sono riservati a Spotify. Con la Net Neutrality quei 10gb sono tutti liberi di fare il giga che gli pare.

La situazione, oggi

Nel 2017 la net neutrality è più o meno garantita in Europa, ma negli Stati Uniti la situazione è assai più grave.

Il 18 maggio 2017 una mozione di Ajit Pai, di recente nomina alla presidenza della FCC è stata approvata, ponendo di fatto la fine alla net neutrality negli Stati Uniti. Al momento, quindi, non c’è più alcuna regola che protegga i consumatori da comportamenti lesivi da parte dei provider.

Immaginate se internet si evolva in modo che un blogger diventi più conosciuto solo perché capace di pagare di più. (Ah no aspè, è già così.)

In Italia la net neutrality è un tema poco sentito, non ci sono state molte interrogazioni a riguardo e non è un tema che viene discusso se non per citazioni della serie “eh ma in america…”

Devo dirlo alla mamma

Se vuoi saperne di più ti lascio qualche link: 
https://dearfcc.org/ — DearFCC è una lettera alla FCC per far sì che rivaluti le proprie posizioni e ristabilisca la net neutrality negli Stati Uniti, promossa dalla Electronic Frontier Foundation https://www.eff.org/

Una petizione online, https://www.battleforthenet.com/july12/ perché le petizioni a tutti (facciamo finta che sia vero)

Mia mamma non vuole

E vabhe, ci ho provato. 
Mi par giusto citare le fonti che ho usato per questo articolo:

1. https://en.wikipedia.org/wiki/Net_neutrality
2. http://www.ilpost.it/2014/04/28/net-neutrality/