Trump ha deciso come vuole costruire il muro

Il Muro che dividerà Usa e Messico non era solo uno slogan elettorale, il presidente ha idee precise su come realizzarlo

Flickr

Il 13 Luglio il New York Times ha pubblicato alcuni estratti — rilasciati dalla Casa Bianca — di una conversazione, tra Donald Trump e la stampa, a bordo dell’Air Force One. Durante il viaggio verso Parigi il presidente ha parlato di vari argomenti, sottolineando il suo “ottimo rapporto” con gli altri presidenti del G20 che lo ha spinto ad accettare l’invito di Macron per le celebrazioni della Rivoluzione francese.

Ha provato ad esprimersi con toni diplomatici rispetto alla minaccia Corea del Nord e alla poca collaborazione della Cina, rimarcando il buon rapporto con il presidente Xi Jinping e la necessità di una maggiore reciprocità nel commercio tra i due stati; aggiunge che le difficoltà nel trovare accordi con la Cina siano dovute al fatto che Xi Jinping sia “a tremendous guy” che, “proprio come lui”, cerca di ottenere il meglio per il suo paese.

Alle domande sulla riforma sanitaria ha risposto che i problemi e i rallentamenti del suo Healthcare siano fisiologici in quanto “l’unica cosa più difficile della pace tra Israele e palestinesi sia la riforma sanitaria”.

Il clou dell’incontro è stato raggiunto parlando di quel muro al confine con il Messico che era stato il suo cavallo di battaglia in campagna elettorale. Trump innanzitutto ha ribadito la volontà di dotare il muro di pannelli solari per sfruttare l’importante esposizione ai raggi solari del confine meridionale. Ha subito rilanciato poi con alcune precisazioni su come deve essere costruito il muro: necessariamente trasparente — oppure in acciaio, ma con molte aperture — per avere ben sotto controllo e poter vedere cosa accade dall’altra parte. Alla perplessità dei giornalisti riguardo la “trasparency”, il presidente rilancia con un esempio “quando gettano i grandi sacchi di droga e ci sono persone dall’altra parte del muro, non li possono vedere e possono essere colpiti in testa con 60 pounds di roba? È finita”. Subito dopo aggiunge: “Per quanto pazzo possa sembrare” — si pensa si riferisca alla possibilità di essere colpiti da un sacco di 60 pounds (circa 28 kg) di droga sulla testa, e invece — “hai necessità di trasparenza in quel muro, e noi abbiamo già alcuni progetti incredibili (per il muro)”.


Grazie ad Emanuele Menietti (giornalista per Il Post) per la segnalazione tramite un contenuto su Twitter