Twittopoli (9–16 Luglio)

La rubrica settimanale che propone i contenuti più originali condivisi dai politici italiani su Twitter

foto da techbakbak.com

Capita a tutti di aver fatto, almeno una volta, un uso distratto e maldestro dei social media e quando ciò accade a persone con ruoli istituzionali o di rappresentanza il risultato è molto grottesco.
 Il titolo “Twittopoli” vuole rimandare ad un luogo di fantasia, così come alcuni post mostrano come la realtà possa superare la fantasia. Twittopoli è mondo reale: la rete sviluppa interazioni virtuali, che però fanno parte ed influenzano la vita reale e concreta. Questa rubrica nasce dal desiderio di poter educare le persone ad un uso più consapevole dei social media. Attraverso una derisione e un’incazzatura che prenda di mira “i potenti” in modo costruttivo, non per suscitare odio, ma per sviluppare la coscienza che tutti possiamo renderci ridicoli o offensivi.


Prime impressioni di Maurizio Gasparri (Fi) in viaggio al Cairo con la Commissione Difesa del Senato.

Giorgia Meloni (Fdi) si scaglia contro la politica dei bonus del governo Renzi, unendo lingua latina e trash-tv.

Giuseppe Civati (Possibile) propone temi condivisi per la costruzione di un soggetto politico a sinistra del Pd

Daniele Capezzone esprime il suo parere sull’uscita del nuovo libro di Matteo Renzi

Antonio Razzi (Fi) re-tweetta questo omaggio di un suo follower

Luigi di Maio (M5s) interviene sulle politiche europee. Forse che gli italiani non siano “da meno”?