La forza Agile del Project Management 3.0

di Cristian Berardi e Paola Palumbo.

Il processo Agile e la sua (innovativa) impostazione

Il Project Management 3.0

Il Project Management sta diventando sempre di più un elemento chiave del successo di molte realtà. Se le grandi aziende internazionali con enormi progetti da gestire sono state le prime a beneficiare di una ingegnerizzazione della disciplina, questo non è sempre stato così per realtà meno strutturate.

Se pensiamo allo scenario italiano, costellato da piccole\medie imprese, la sensibilità sull’argomento non è mai stata elevata. In questi ultimi anni invece, stimolati da una parte da un mercato sempre più competitivo e dall’altra dall’introduzione di tecniche sempre più “Agili” di gestione, si è affermata anche nel panorama nazionale la figura del Project Manager, un ruolo molto richiesto sul mercato e sempre di più strategico.

Analizziamo allora i caratteri distintivi della disciplina nell’accezione più attuale, quello che definiamo il Project Management 3.0.

Il Project Management nelle sue moderne declinazioni non può prescindere da uno dei modelli organizzativi più influenti di questi ultimi anni, quello Agile.

Il workflow agile

Se da una parte l’Agile ha come obiettivo la totale copertura delle reali esigenze del committente, portando velocemente sul suo tavolo un prodotto sempre funzionante che si evolve nel tempo in base ai feedback degli stakeholder, dall’altra parte le problematiche classiche della conduzione progettuale continuano a necessitare di un corretto indirizzamento. Il Project Management 3.0, quindi, vuole trarre i vantaggi di un’operatività progettuale condotta in modalità Agile sottolineando comunque l’importanza della conduzione di progetto, declinata in tutte le sue più articolate sfaccettature, dal più classico controllo dei costi e dei tempi, alla più sofisticata gestione della squadra, degli stakeholder e del prodotto stesso.

Il Project Manager 3.0 è un responsabile di progetto che si spoglia progressivamente degli aspetti più prettamente operativi in quanto — in ottica Agile — il team stesso è sempre più responsabile ed autonomo nella determinazione della schedulazione delle attività nel “day-by-day” e nel garantire una qualità elevata del prodotto. Il PM moderno quindi, affiancato da una squadra molto autonoma e responsabile, ha la possibilità di occuparsi meno degli aspetti operativi per concentrarsi su elementi di più alto livello, tematiche più organiche come la gestione strategica (del prodotto, della squadra, degli stakeholder) e la pianificazione della roadmap.

Le percentuali di miglioramento acquisite con il Metodo Agile

Gli strumenti

È chiaro dunque che, nell’ambiente dinamico che caratterizza il business ai giorni d’oggi, gestire più progetti contemporaneamente, tenendo traccia degli innumerevoli aspetti che li caratterizzano, richiede necessariamente l’uso di strumenti “agili” a supporto. La gestione Agile è infatti una svolta in termini di “impostazione” del lavoro, ma nel pratico è realizzata attraverso validi strumenti a disposizione per gestire concretamente i progetti, e il panorama al momento si mostra effervescente e in piena crescita.

In GetConnected puntiamo da anni sui prodotti Atlassian per migliorare l’esperienza di lavoro dei team, la gestione dei progetti e la pianificazione aziendale.

Schermata di Portfolio for JIRA

Questa suite rappresenta uno dei pacchetti più completi nell’offerta di tool per la gestione dei progetti. Più di 50.000 imprese ad oggi ne usano e distribuiscono gli strumenti di tracking, collaborazione e sviluppo software per rendere più agile ed efficiente il lavoro e raggiungere risultati di qualità in tempi sorprendenti.

Attraverso JIRA, la piattaforma Atlassian pensata per il tracking di attività progettuali, disegniamo costantemente soluzioni di Project Management moderne ed evolute per i nostri clienti. Oltre alle funzionalità avanzate che offre di base il tool, abbiamo previsto per i nostri clienti una orchestrazione automatica delle funzionalità di JIRA e di quegli add-on (plugin) dedicati che, in base alla nostra esperienza sul campo, consideriamo essere tra i migliori a supporto del Project Management 3.0.

Con le tecniche attuali è infatti possibile integrare varie risorse per implementare necessità progettuali mirate e ottenere un processo di management customizzato, efficace e goal-oriented.

L’organizzazione chiara e strutturata di Tempo Planner

Prodotti di planning della suite Tempo come “Tempo Planner” e “TimeSheet” o come “Portfolio for JIRA”, perfettamente integrabili con JIRA Software, sono strumenti che possono essere usati per la gestione delle risorse e per la loro schedulazione, o per una più facile consuntivazione del tempo.

Project Monitor

Il nostro stesso Project Monitor è nato per rispondere alla diffusa esigenza di monitorare e mostrare con efficacia l’andamento del progetto in modo immediato e sintetico.
 Tool come questi permettono una pianificazione di dettaglio sia facile che efficiente, consentendo al team di schedulare le attività in maniera flessibile e di coordinare la divisione del lavoro.

Il Project Management è l’area che a oggi è stata maggiormente influenzata dalla filosofia Agile, ma l’ondata “agile” ha preso forza e comincia a radicarsi sempre più anche in altri contesti aziendali: si è iniziato a parlare ad esempio di Agile Marketing, piuttosto che del più generico Agile Management. Nei prossimi mesi sicuramente vedremo interessanti evoluzioni, l’abilità sarà di carpirne l’essenza per rielaborare la ricetta perfetta per la propria realtà.

VAI AGLI ALTRI ARTICOLI

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.