Waves: a Natale regala un Wallet con una cripto.

Venti Euro in Bitcoin, regalati a Natale di 2 anni fa, oggi ne valgono 400. Con un semplice gesto possiamo trasformare il Natale in una rivoluzione.

Vediamo subito come trasformare un piccolo gesto d’amore in una protesta dirompente ma pacifica contro la politica oppressiva delle elite finanziarie, il sistema delle banche ed i relativi maggiordomi politici.

Per prima cosa stabiliamo il budget di ciascun regalo (suggerisco 20 Euro, ma ciascuno ha la sua soglia) e procuriamoci le criptomonete equivalenti al miglior prezzo. Poi regaliamo il link al rivoluzionario wallet della piattaforma Waves ed il gioco è fatto.

Quindi in cosa consiste il regalo?

Un bel biglietto di auguri con un link al sito waveswallet.io

Quando chi riceve il regalo avrà completato la procedura gratuita di apertura del wallet on-line, voi gli spedirete le cripto che avrete sul vostro portafoglio.

Da quel momento avrete reclutato un nuovo “agente del cambiamento” spendendo una piccola somma che sottrarrete alla immoralità consumistica.

Vediamo molto rapidamente come aprire un wallet su Waves

Per prima cosa è necessario procurarsi delle frazioni di bitcoin, o di ethereum da qualche exchange. E’ possibile anche usare carte di credito oppure di debito direttamente su Waves, ma a sua volta la piattaforma vi rimanderà ad un sistema esterno con ulteriori procedure.

Per caricare il wallet con bonifici in Euro dal proprio conto corrente, Waves impone il riconoscimento con la relativa procedura KYC/AML [1]. Idem se si desidera poi un giorno trasferire gli euro sul proprio conto corrente. Però è possibile trasferire Euro, Dollari e Cripto tra utenti di Waves così come è possibile convertire gli euro in cripto e viceversa usando la piattaforma di trading integrata, anche senza identificarsi.

Quindi potete anche fare un regalo direttamente in Euro, che compariranno poi nel wallet del ricevente.

Avendoli, per fare in fretta, si fa prima con i bitcoin.

Collegatevi al Wallet on-line disponibile su https://waveswallet.io/

Selezionare “New Account”, comparirà un pannello con un avviso esplicativo di cosa dovete fare:

Cliccate “I UNDERSTAND”

Copiate i seed (semi) ovvero le parole che generano la vostra cifratura in un luogo sicuro. Riutilizzando queste parole potrete ricollegarvi al vostro wallet da qualsiasi browser in futuro. NON è sufficiente ricordarsi la password ma se cambiate browser ci vorranno anche i semi.

Inserite il vostro nickname ed una password (fatela robusta con maiuscole, numeri e simboli se no non viene accettata).

Cliccate “REGISTER” ed arriverete alla pagina principale del wallet.

Ora che avete creato il vostro Wallet su Waves (una piattaforma basata su una blockchain decentralizzata con tantissime applicazioni), divertitevi ad esplorarla. Il miglior modo per capire le incredibili potenzialità di Waves è sperimentare, sperimentare … sperimentare !

Ora che ci siete perchè non provate a crearvi una moneta tutta vostra?

Riferimenti:

[1] KYC/AML — sono le due principali procedure di identificazione messe a punto principalmente per blindare il sistema finanziario in modo che nessuna transazione possa avvenire anonimamente. Letteralmente KYC (Know Your Customer) vuol dire “conosci il tuo cliente” e AML (Anti-Money Laundering) — è anche noto come “antiriciclaggio”. Se conoscete l’inglese potete divertirvi a leggere questo articolo.

Altri articoli:

  1. Waves Platform: domande e risposte (FAQ). Una lista aggiornata con le domande più frequenti e le relative risposte sul funzionamento della piattaforma Waves.
  2. Waves Platform: democrazia e moneta nel nostro portafoglio. Un affascinante ed ambizioso progetto per una piattaforma di voto “open source” va ad aggiungersi alle applicazioni decentralizzate che promettono di rivoluzionare il nostro futuro
  3. Guida alla conservazione dei bitcoin nei barattoli per la marmellata oppure sotto il mattone o nel materasso. Ovvero tutto quello che avreste voluto sapere sulla conservazione dei bitcoin ma che nessuno ha mai voluto dirvi, detto in parole povere e, quasi, senza tecnicismi.
Twitter: https://twitter.com/GillChamp