ChinaWebTips #1— La Cina, paese emergente votato alla tecnologia

Primo appuntamento con #ChinaWebTips, la rubrica per conoscere il mondo digitale in Oriente. 
In questo post una rapida panoramica dei numeri della Repubblica Popolare Cinese, un confronto con le potenze economiche occidentali e una breve infografica. Buona lettura!

Alcuni Paesi rappresentano delle vere e proprie potenze mondiali con tassi di sviluppo molto elevati e caratteristiche che li hanno portati a essere dei punti di riferimento per tutto il mondo. Negli ultimi decenni, a fianco di Stati Uniti ed Europa, sono emersi altri Paesi che per diverse ragioni come economie, sistemi di riforme, aspetti demografici e sociali favorevoli sono diventati oggi aree geografiche molto importanti nel panorama mondiale.

Uno di questi è senza dubbio la Repubblica Popolare Cinese, la cui crescita del prodotto interno lordo degli ultimi anni è particolarmente esplicativa, soprattutto se confrontata con altre potenze economiche occidentali come Stati Uniti ed Europa. Come si può notare nell’infografica che segue, l’indice di variazione del PIL nell’ultimo decennio si mostra abbastanza lineare, ma confrontando l’aumento degli ultimi dieci anni di Stati Uniti, Europa e Cina, questa crescita appare rilevante: se l’America del Nord ha registrato un incremento totale del 34% e il Vecchio Continente del 26%, la Cina registra un +85% del prodotto interno lordo tra il 2004 e il 2014. A livello di import ed export questo è ancora più chiaro e i numeri sono in costante aumento. 
Nel 2015, tuttavia, il mercato asiatico ha subito una leggera inflessione, in particolar modo in seguito alla bolla cinese dovuta al crollo dei prezzi del settore immobiliare e un conseguente effetto domino sulla borsa. Si sono registrati cospicui cali degli investimenti che, però, negli ultimi mesi hanno prodotto segni di ripresa.

La Repubblica Popolare Cinese è uno stato socialista situato in Asia, regione con una vastissima superficie che la rende il continente più esteso del mondo. Questa vastità ha prodotto però profondi contrasti fisici, umani ed economici, ad esempio a livello di popolazione, la cui distribuzione è poco uniforme poiché si passa da aree disabitate ad altre densamente popolate. L’Asia è disomogenea anche a livello culturale e ciò si riflette sulla quotidianità delle persone che spesso è molto diversa da quella occidentale nei modi e nei costumi.
La capitale è Pechino, si compone di 22 province, cinque regioni autonome, quattro municipalità controllate e due regioni amministrative speciali, Hong Kong e Macao.

A livello demografico, nel 2015 la popolazione della Repubblica popolare cinese era composta da oltre 1 miliardo e trecento mila individui: il 17,5% a un’età pari o inferiore ai 14 anni, il 67% tra i 15 e i 59 anni e il 15,5% oltre i sessant’anni. 
La popolazione si concentra soprattutto nelle province orientali e nelle grandi pianure. La Repubblica Polare Cinese ha una dozzina di grandi città, tra cui Pechino, Hong Kong e Shanghai che hanno ruoli chiave nella determinazione dell’identità regionale, della cultura e dell’economia. 
In tutta la Cina si parlano numerosi dialetti principali, ma a livello istituzionale è stata adottata una lingua ufficiale per favorire l’integrazione territoriale e culturale del Paese.

Per quanto riguarda l’economia del Paese, grande rilevanza hanno i settori dei trasporti, media e telecomunicazioni. Il primo si sviluppa via acqua e su strada, ma è attraverso la rete ferroviaria che sono stati fatti numerosi progressi tecnologici, soprattutto per quanto riguarda l’alta velocità. 
La crescita del settore media e telecomunicazioni raggiunge tassi elevatissimi, seppur la maggior parte della concentrazione si trovi in alcune particolari geografiche e nonostante il fatto che gran parte dei contenuti in rete siano soggetti al controllo del governo. 
Quest’ultimo aspetto ha provocato grandi conseguenze nel Paese, tra cui la nascita di un ecosistema mediatico e digitale proprio, che sarà l’argomento principale del prossimo #ChinaWebTips.

E voi cosa ne pensate?

Seguimi anche su LinkedIn e su Twitter!