2. Perché lo abbiamo chiamato Griot

Per narrare storie c’è bisogno di un cantastorie.

All’inizio di questa avventura lo chiamavamo semplicemente “progetto”, poiché era ancora un’idea sulla quale avevamo bisogno di riflettere e discutere molto tempo ancora per renderla concreta.

Il “progetto” era qualcosa che circolava soltanto nelle nostre stanze e nelle nostre lunghe email di pensieri, talvolta fantasiosi o anche strampalati.

Le nostre idee avevano bisogno di maturare, di essere plasmate e un po’ anche addomesticate.

Storie era il concetto ricorrente, l’obiettivo e insieme il punto di partenza.

Si partiva dalla nostra storia di tecnici in ambiti diversi con passioni diverse.

Siamo partiti dalle nostre storie per crearne una del tutto nuova da far crescere, da rendere concreta e da divulgare. Il nostro obiettivo era diffondere un modo innovativo di raccontare storie, ecco perché lo abbiamo chiamato Griot.

Griot è il divulgatore della conoscenza popolare nella cultura africana.

Il Griot è una figura complessa perché le sue narrazioni sono complesse. Non sono soltanto scambi di opinioni o chiacchierate intime di padre in figlio. Il Griot spazia sui numerosi temi della vita e narra le sue conoscenze in vari modi in base al contesto. In momenti e ambiti diversi il Griot può essere un attore o un cantore, un musicista o un poeta. Ancora oggi quella del Griot, benché evoluta ad un ruolo maggiormante contemporaneo, è una figura cardine importante e autorevole.

Il “progetto” Griot lo abbiamo pensato per il canale mobile perché è lì il futuro. Lo dicono le analisi, le ricerche dei maggiori player e le statistiche. È il canale che registra la crescita più rapida, frequentato dagli utenti di oggi e soprattutto dagli utenti del futuro. Globalmente, nell’ottobre 2016 il numero degli accessi alla rete via smartphone e tablet ha superato il numero di accessi via pc. L’Italia faceva eccezione ma a maggio il fenomeno, considerato irreversibile dagli analisti, si è registrato anche nel belpaese.

L’audience delle storie è sempre più nel canale mobile.

Ecco perché Griot è nato per il canale mobile specificatamente negli store di Google e Apple per sistemi operativi Android e iOS.

E nel canale mobile Griot è una piattaforma ma … di questo scriveremo la prossima volta.

Per una panoramica sulle modalità operative e sulle opportunità di mercato leggi 19. Le 10 cose da sapere sulla tecnologia Griot