Nuovo scandalo per la sanità pubblica italiana

Raggirate per anni milioni di persone indotte ad acquistare prodotti di uso comune spacciati per medicinali

Scoperto un sistema truffaldino ai danni delle tasche di milioni di pazienti in tutta Italia grazie alla denuncia di alcune vittime.

Medici italiani, legalmente autorizzati a esercitare la loro professione, prescrivevano, probabilmente a loro insaputa, finti farmaci che venivano poi acquistati dai pazienti presso delle comuni farmacie pensando che si trattasse di medicinali. Un giro di affari di milioni di euro l’anno.

Potrebbe accadere anche a voi, perciò fate attenzione a quello che sto per dirvi.

Ecco come avviene il raggiro:

  1. Si va dal medico, che sia pediatra o medico di famiglia, per qualcosa che non va e lui ci prescrive il finto farmaco su ricetta bianca.
  2. Con la ricetta ci si presenta in farmacia: il farmacista prende da uno scaffale una scatola, indistinguibile all’apparenza, sia come collocazione che confezionamento, da quella delle medicine.
  3. Nell’etichetta sono scritti i nomi delle sostanze che dovrebbero essere presenti nella medicina, ma che in realtà non ci sono.

Tutti i precedenti passaggi sono autorizzati dallo Stato Italiano e dall’Unione Europea.

Invece è una truffa! Non avete comprato nessun farmaco ma solo pasticche, confetti, sciroppi, fialette o supposte di acqua, zucchero o altre cose simili fatte pagare a prezzi esorbitanti.

E tutto questo accade ogni giorno in Italia da decenni, senza che nessuno faccia nulla, perché la voce delle vittime e la testimonianza delle persone che ne sono a conoscenza vengono oscurate e messe in ridicolo a causa degli interessi economici delle multinazionali che producono questi prodotti, con la compiacenza dei nostri politici.

Diffondete la voce! È proprio oggi il momento giusto per smascherare chi guadagna alle nostre spalle vendendoci lo zucchero più caro del mondo.

Like what you read? Give Katia Genovali a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.