Cos’è il fediverso, come funziona e perchè è importante?

Mastodon Italia
Jan 24 · 5 min read
Il logo del fediverso

Dal suo lancio nell’ottobre 2016, il social network di microblogging Mastodon ha guadagnato terreno, superando 4 milioni di utenti nel 2020. Per molti è l’anti-Twitter. Sebbene sia molto simile nell’aspetto e nelle caratteristiche, Mastodon pone maggiore enfasi sulla sicurezza e sulla privacy.

Lo fa in gran parte essendo decentralizzato e federato — i suoi messaggi (chiamati “toots”) distribuiti su un certo numero di server indipendenti con le loro comunità, i loro interessi e le loro regole. Ma gli utenti sono liberi di seguirsi l’un l’altro, preferiti e boost (l’equivalente di retweet) i messaggi, indipendentemente dal server su cui si trovano. Per citare qualcuno, basta includere il suo server e il suo nome utente, proprio come un indirizzo email (così, per esempio, se sei su Mastodon puoi trovarmi su @filippodb@mastodon.uno).

Ma Mastodon è solo un esempio di questa nuova razza di social network, piattaforma editoriale e sito web che costituisce il fediverso — una famiglia di siti che promuovono la libera interazione tra i server o anche i servizi, e che può solo contrastare la tendenza a bloccare i contenuti dietro i comparativi giardini chiusi di Twitter e Facebook.

“… non è solo il lato sociale di Twitter a creare malumori…”.

Rimanete su Mastodon per un po’ di tempo e vedrete gli utenti passare commenti sul “birdsite” — il loro termine denigratorio per Twitter. In parte ciò è dovuto alla direzione che il social network ha preso come sede di un discorso sempre più polarizzato tra destra e sinistra, che troppo spesso si trasforma in un discorso di abuso o di odio.

Si ritiene che, in particolare, Twitter non abbia fatto abbastanza per affrontare la presenza dei neo-nazisti sulla sua piattaforma, mentre alcuni server Mastodon vietano esplicitamente le immagini naziste e la negazione dell’olocausto, prendendo spunto dalla legge tedesca. Una caratteristica fondamentale è la possibilità di limitare certi toot a certi pubblici, e un’altra di nascondere i contenuti dietro un avvertimento.

Ma non è solo il lato sociale di Twitter a causare problemi. Le recenti modifiche alle API di Twitter hanno compromesso le popolari applicazioni Twitter di terze parti come Tweetbot e Twitterific. Di conseguenza, le app sono state costrette a rimuovere funzionalità come lo streaming della timeline Wi-Fi, le notifiche per i like e i retweet, le schede per le attività e le statistiche e il supporto di Apple Watch.

Twitter sostiene che questi sono passaggi necessari, parti dell’API vecchie e non mantenute in nome del progresso. Ma altri vedono questo come un tentativo di allontanare gli utenti dalle applicazioni di terze parti per inserirle in una propria, completa di contenuti promossi, suggerimenti per gli utenti da seguire, e forse la cosa più controversa, timeline non cronologiche che danno priorità ai tweet secondo gli algoritmi segreti di Twitter. Probabilmente, Twitter sta divertendo sempre più gli utenti a determinare cosa vedono nei suoi tentativi di ottenere un profitto.

Ma Mastodon non è affatto il solo a tentare di decentralizzare il social web. Dove i post di Mastodon sono limitati a 500 caratteri, il social network Diaspora offre post molto più lunghi che possono essere condivisi pubblicamente, all’interno di particolari circoli sociali scelti dall’utente, o etichettandoli in base all’argomento.

Ma il fediverso non è composto solo di social network che adottano l’approccio federato. PeerTube adotta un approccio federato all’hosting video, Pixelfed alle foto, Funkwhale all’audio e Writefreely per i blog. Nel frattempo i servizi ownCloud e la sua diramazione Nextcloud applicano lo stesso principio al file-hosting a la Dropbox, ma con una serie di altre caratteristiche come il supporto per i calendari, i contatti, i bookmarking, l’editing di testo e gli RSS.

Chiaramente alcuni servizi sono più impegnativi di altri per quanto riguarda il trasferimento dei dati e quindi i casi non sono necessariamente gratuiti. Per ora, dove l’astuzia tecnologica lo permette, la cosa migliore può essere quella di auto-ospitare, ove possibile.

Nessuno dei servizi federati rischia di suscitare molto scalpore nelle sale riunioni della Silicon Valley, ma il loro potenziale collettivo di diventare più grande della somma delle loro parti incoraggiando l’interazione tra i servizi è davvero eccitante, ed è una prospettiva che è molto possibile (e in effetti sta già accadendo) grazie ai protocolli standard comuni ai servizi federati.

“….decentrando i contenuti si privano gli inserzionisti di un pubblico controllato e quantificabile…”.
A guidare la carica è senza dubbio ActivityPub, uno standard pubblicato come raccomandazione formale del World Wide Web Consortium nel gennaio 2017. In poche parole, i contenuti pubblicati utilizzando un’applicazione possono essere gradite, condivise o commentate da un’altra, e gli utenti possono abbonarsi (o seguire) i contenuti dell’altro attraverso le reti.

In un post che vale la pena leggere, l’ingegnere del software e blogger Jeremy Dormitzer spiega ActivityPub in questo modo:

È un linguaggio che qualsiasi applicazione può implementare. Per esempio, c’è un clone di YouTube chiamato PeerTube che implementa anche ActivityPub. Poiché parla lo stesso linguaggio di Mastodon, un utente di Mastodon può seguire un utente di PeerTube. Se l’utente PeerTube pubblica un nuovo video, questo apparirà nel feed dell’utente Mastodon. L’utente Mastodon può commentare il video di PeerTube direttamente da Mastodon. Pensateci un attimo. Qualsiasi app che implementi ActivityPub diventa parte di un massiccio social network, che conserva la scelta dell’utente e abbatte i giardini recintati. Immaginate se poteste accedere a Facebook e vedere i post dei vostri amici su Instagram e Twitter, senza bisogno di un account Instagram o Twitter.

Per Dormitzer il fediverse e ActivityPub in particolare sono avvincenti, e dipinge un quadro di un world wide web con contenuti non solo accessibili a tutti, ma social con likes, commenti e azioni simili che collegano siti e servizi.

Al momento il fediverso si sente come un’insurrezione di massa, e per ora è proprio questo il suo fascino. Resta da vedere se può tentare gli utenti mainstream del web (o se lo vuole). E cosa questo significhi per la moderazione, i modelli di business e la salute generale del fediverso è tutt’altro che chiaro.

Già nel 2012, il tecnologo Anil Dash ha pubblicato un post memorabile sul blog, intitolato The Web We Lost, lamentando la scomparsa del web aperto e l’ascesa dei social network come giardini recintati con contenuti solo semi-accessibili. Nel fediverso, abbiamo un barlume della possibilità che ciò che è stato perso possa essere ritrovato — o, più precisamente, ricostruito.

Mastodon Italia

Written by

Account Ufficiale di Mastodon Italia, l’istanza italiana federata al social network open source mastodon: https://mastodon.uno guida: https://mastodon.it

More From Medium

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade