Podissea, un’ironica Odissea lungo il fiume Po

Michele Marziani
Jun 30, 2015 · 2 min read
Image for post
Image for post

È uscito oggi in ebook Podissea, un romanzo del giornalista riminese Stefano Rossini. Un libro a cui sono legatissimo per tanti motivi. Il primo è perché con Stefano abbiamo condiviso numerose avventure, soprattutto viaggi, intrapresi sempre un po’ alla come capita, incuranti di tutti i difetti organizzativi dei quali io e lui, messi insieme, siamo capaci: l’ultimo che ricordo, in ordine di tempo, è un giro della Francia su una vecchia Panda per raggiungere Roscoff, in Bretagna, da dove io presi un traghetto per l’Irlanda e Stefano la strada per Parigi. Ci abbiamo messo una settimana, forse di più, sembravamo Totò e Peppino a Milano. Ci mancava la valigia di cartone.

Ben prima avevamo fatto un viaggio temerario: la risalita del fiume Po, dal Delta fino allo sbarramento di Isola Serafini, trecento e rotti chilometri su una barchetta controcorrente, senza aver mai preso in mano un timone prima della partenza, io senza neppure saper nuotare. L’essere arrivati in fondo è stato già un traguardo perché quello che si impara lungo il più grande fiume d’Italia è inimmaginabile. Partendo da quella avventura io ho scritto diversi libri: Lungo il Po, La signora del Caviale e Il caviale del Po. Stefano faceva fotografie, sornione, mentre, ho scoperto poi, stava immaginando dentro di sé il suo Podissea.

Chi l’avrebbe mai detto? Un ragazzo così stravagante e a volte persino inconcludente (allora, oggi è uno stimato giornalista) alle prese con una narrazione a dir poco bizzarra? A leggerlo, Podissea, ti diverti, sorridi, sghignazzi della lotta tra dei e rispettivi seguaci, ti sembrano esagerate (ma se ci pensi bene non lo sono) certe grottesche descrizioni dei luoghi, degli abitanti e dell’Unione Europea pure (che c’entra? C’entra, c’entra…). Arrivi in fondo che quasi ti strozzi dalle risate. Poi guardi quel povero fesso, il protagonista, Marco Alieni e dici… ma come è possibile?

Mi alzo e passo davanti allo specchio e so che è possibile, eccome. Uno specchio di noi, della Padania, dell’Italia rurale, della promozione turistica, dei finanziamenti europei, che ci restituisce un’amara verità: il re è nudo. E noi, per fortuna, sappiamo ancora sorridere.

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch

Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore

Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store