Primo maggio

Facciamo che scrivo una cosa seria, personale e politicamente neutra sul lavoro.
Il lavoro, per me, è stato il dono più grande che potesse capitarmi, e non solo in termini economici.
Il lavoro è stato ed è la mia identità di essere umano. È stato avere i mezzi per lottare e raggiungere i miei obiettivi. È stato lo spalancarsi di porte che sarebbero rimaste chiuse.
Il lavoro per me è stato svegliarmi alle quattro di mattina o andare a dormire alle sei e mezzo e farlo sorridendo, con la dignità persino nella punta dei capelli, senza stanchezza, senza sonno, con tantissima voglia, con la consapevolezza di star facendo la cosa giusta e che solo da lì sarebbe passato il mio riscatto e sarebbe passata la mia emancipazione.
Il lavoro per me, ora, è soprattutto un amore sconfinato nei confronti di tutti, nessuno escluso, quei ragazzi meravigliosi da cui imparo ogni giorno a essere sempre migliore, per meritare il loro rispetto e il loro affetto. Il lavoro, per me, questo lavoro che amo e ho sempre amato, è stata una fortuna quando ormai tutto sembrava andare verso binari di prevedibilità.
Il lavoro è vita — banale ma vero — e fare un lavoro che ami è in assoluto la forma più perfetta di esistenza che potesse mai capitarmi. Non smetterò mai di ringraziare per questo quello che molti di voi chiamano Dio, fato, predestinazione, o se vogliamo anche culo. .
Auguro a tutti i lavoratori, di avere un mondo che regali loro la forma più perfetta di esistenza.

Buon Primo Maggio.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Monsieurdosto’s story.