Emma Morton & The Graces: tornare alla Scozia passando da Musicraiser

Blues, jazz e musica tradizionale scozzese? È questo l’ambizioso progetto musicale di Emma Morton, semifinalista dell’ottava edizione di X Factor e “apripista” del Musicraiser Accelerator. Ambizione pienamente soddisfatta, dato che con la partecipazione di più di 200 raiser, avrà la possibilità di distribuire il suo nuovo disco in formato fisico e digitale con Believe, leader europeo del settore. In questa intervista Emma ci ha raccontato come è nato il progetto e cosa è stato per lei vivere il crowdfunding.

- Ciao Emma! Spesso quando si partecipa ad un talent televisivo come X-Factor si ottiene grande visibilità, ma col tempo si perdono le persone affezionate al progetto. Nel tuo caso invece, i fan hanno dimostrato di continuare a seguirti e sostenerti, anno dopo anno. Come ci sei riuscita?

Forse perché non sono mai cambiata dopo aver partecipato ad X-Factor. Sono sicuramente cresciuta, ma il mio scopo musicale rimane sempre lo stesso: comunicare. Chi mi ascolta avverte tutto quello che io sento, perché lo condivido in modo intimo e autentico. O almeno lo spero!

- Emma, Luca e Piero (rispettivamente chitarrista e batterista), come è nato “Emma Morton & the Graces”, e quali motivi vi hanno spinto a costruire una campagna di crowdfunding su Musicraiser?

Il progetto Emma Morton & the Graces è il frutto della sinergia che abbiamo scoperto durante un concerto di beneficienza per le vittime di Amatrice. Fu un concerto molto emozionante e capii che dovevo seguire il mio istinto, cambiando il repertorio dalla nostra scaletta solita — volevo cantare le canzoni che durante il mio percorso di vita mi hanno toccato e che mi hanno trasmesso un senso di vera umanità. Fra questi c’erano pezzi di Bob Dylan, Robert Plant & Alison Krauss, Ray Charles, Rhiannon Giddens ed alcune canzoni scozzesi. Qualcosa ha fatto ‘click’ — è stato come ritrovarsi senza aver capito prima di essere stati persi fino a poco prima.

In quel momento ho compreso l’importanza di seguire il mio cuore e ho deciso di dedicarmi alla scrittura di nuova musica, di creare un progetto musicale che potesse mescolare tutte le belle contaminazioni che hanno formato ognuno di noi come musicisti. Per me è stato chiaro sin dall’inizio che avremmo dovuto fare un disco — la prima volta in due anni che non ho avuto dubbi, che ho capito che questo mondo è veramente mio e che voglio condividerlo. L’idea di potere realizzare un disco insieme ai nostri ascoltatori ci sembrava una cosa molto bella!

- Avete superato quota 200 raiser: siete riusciti a coinvolgere un gran numero di persone nella campagna. Quali sono le vostre sensazioni? Quanto è impegnativo realizzare una campagna di successo?

È una grandissima emozione sapere di avere l’appoggio di così tante persone, che chi ci ascolta creda in noi fino al punto di voler investire sulla realizzazione di un album. Ed infatti non vedo l’ora di spedire i primi dischi ai nostri raiser!

Per me che sono un po “orso” rispetto al mondo dei social network devo dire che è stato un bel impegno fare la campagna. Vuol dire essere presente tutti i giorni su social, contattare tante tante persone e proporre il tuo progetto! Non è stato subito naturale, io comunico molto meglio quando sono sul palco. Per questo sono immensamente grata a tutti coloro che hanno partecipato e mi hanno dedicato il loro tempo, investendo sul mio progetto!

- Emma Morton & the Graces è un melting pot: l’incontro tra Scozia ed Italia, il folklore e contaminazioni da altri generi. Spesso quando si sviluppano lavori che comprendono l’unione di tanti elementi diversi, è difficile trovare un filo conduttore. Cosa unisce ed amalgama tutte queste influenze artistiche?

Più che altro direi l’amore! Abbiamo una grande passione per quello che facciamo e siamo uniti dalla nostra continua ricerca musicale, dalla voglia di comunicare e di sperimentare. Ognuno di noi porta con sé la sua storia, le sue visioni, i suoi amori ed i suoi dolori, così quando suoniamo insieme queste esperienze si ascoltano e si confortano, creando il nostro sound unico e autentico.

Emma Morton & The Graces, torniamo alla Scozia! La campagna ha già superato il 100% e più di 200 raiser hanno partecipato. Ora tocca a te!

www.musicraiser.com/projects/6572

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.