Sviluppi e pietre miliari firma orologi Tag Heuer

Nel 1860 cominciano ad accadere competizioni sportive sia in acqua e su erba, sulle strade sterrate o strada, in modo che la misura del tempo sta diventando un elemento cruciale di questi eventi per sempre apprezzata dal pubblico. Il fondatore della svizzera di orologi di lusso di marca Tag Heuer, Edouard Heuer pienamente consapevole di questo cambiamento nella società e le grandi possibilità rappresentata da questa possibilità è uno dei primi a produrre e produrre tasca cronografo orologi in gran numero.

Nel 1887 cambia il corso e la storia dell’orologeria mondiale quando mi presento a commercializzare uno dei suoi più grandi innovazioni più significative, il famoso pignone oscillante Tag Heuer. L’innovazione tecnologica e autentica pietra miliare in epoca ma ancora oggi utilizzati dai migliori produttori di orologi cronografi meccanici. Il Calibre 1887 sarà il quarto movimento sviluppato e industrializzato dalla produzione replica di orologi Tag Heuer.

Questa innovazione è fondamentalmente la possibilità di ottenere un cronografo con prestazione perfetta, grazie alla sostituzione di due grandi ruote del movimento precedente. Con questa invenzione rivoluzionaria, l’orologio di marca Tag Heuer diventa rapidamente il punto di riferimento per gli orologi cronografo e strumenti di cronometraggio in materia di sport di alto livello. Il replica Tag Heuer sarà considerato uno dei più ricercati dagli appassionati di questi pezzi di collezione di orologi replica svizzera.

Lo svizzero azienda orologiera Tag Heuer riceve anche la medaglia d’argento all’Esposizione Universale di Parigi del 1889 lodando la sua immensa collezione di orologi cronografi da tasca. Il fondatore morto Edouard Heuer, ha lasciato in eredità ai suoi due figli visione creativa e genuina passione per l’innovazione fondando così un negozio di orologi dinastia che ha lasciato un impronta e il marchio in perpetuo nel prossimo secolo.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Sammy Midwinter’s story.