Della forza dell’Amore

Si pensi a cosa vi è in natura di più forte e potente. Possono venire in mente terremoti, uragani, la potenza dell’atomo e altro ancora.

Ma vi è una forza ancora più brutale a cui nessun essere vivente può sottrarsi, è la forza della Morte.

Nel medioevo, in poesia e in pittura, si celebravano le danze macabre. Alla danza della Morte, tutti si dovevano inchinare, Papi, Re e Imperatori. Proprio come l’ultimo degli ultimi.

Pure, già dieci secoli prima del Cristo, Salomone, nello shìr hasshirìm, il cantico dei cantici, affermava: «forte come la Morte è l’Amore».

L’esoterismo medievale definiva l’Amore come “A-mor(s)”, alfa privativa (senza) e “mors” (morte), cioè senza morte.

L’Amore che sconfigge la Morte. Rivedendo Salomone, potremmo affermare: PIU’ forte della Morte è l’Amore.

L’affermazione della Vita sulla Morte, attraverso un grande gesto d’Amore, è alla base delle rivelazioni gnostiche di tutto il mondo, a partire da Osiride, Cristo, il greco Er, Mitra, Dioniso.

Ma l’Amore sembra proprio il contrario di ciò che normalmente definiremmo Forza. E’ il dare tutto se stesso all’altro, il saper mettere l’altro al centro della propria vita. Un vincolo più forte di qualsiasi catena.

In un noto best seller di una giovane autrice giapponese, vi è questa definizione:

«Aki, si dicono tante belle cose ma poi, in fondo in fondo, ognuno vive pensando solo al proprio tornaconto. Basta poter mangiare bene, basta poter comprare ciò che ci piace. Ma amare una persona significa pensare che lei viene avanti a tutto. Se non avessimo abbastanza cibo, darei a te la mia parte. Se avessimo pochi soldi, piuttosto che acquistare qualcosa per me, comprerei quello che tu desideri. Se mangi qualcosa di buono tu, è come se avessi la pancia piena anch’io, se sei felice tu, allora lo sono anch’io. Questo significa amare una persona. Credi che esista qualcosa di più importante? A me non viene in mente nulla. Chi scopre dentro di sè la capacità di amare, scopre qualcosa che merita più del premio Nobel. Se lo ignora, se si fa in modo di ignorarlo, allora è meglio che l’umanità scompaia. Che la Terra si scontri con un pianeta qualsiasi e che scompaia al più presto!»

Amore come Forza, Forza che è insita in una apparente debolezza.

Contraddizioni. Quelle contraddizioni — apparenti — che rappresentano l’unicità dell’essere umano.

Vasco Rossi, in una delle sue esternazioni diceva «Non ho paura di parlare delle mie debolezze, sono la mia forza».

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.