#SocialVizi: LinkedIn e l’avarizia

Se i social network fossero i sette vizi capitali LinkedIn sarebbe l’avarizia.

Il successo ed i grandi affari sono cose molto in ma non si fanno certo con le pacche sulle spalle. Nessuno stimato self made man ha davvero intenzione di condividere con voi i veri trucchi per fare soldi né tantomeno darvi una dritta sensata per la benedetta raccomandazione, pratica che LinkedIn purifica ed eleva a cosa molto in. In teoria chi ha davvero raggiunto una posizione soddisfacente non ha bisogno di LinkedIn e neanche di circondarsi di simpatici rivali pronti a scalzarlo al primo segno di debolezza.

Il social network della professione è per noi stronzi incontentabili che per un motivo o per un altro non siamo dove vorremmo essere e di conseguenza non abbiamo ancora quello che crediamo ci spetti. E sì, possiamo dispensare volentieri pacche sulle spalle ai nostri simili, ma nulla di più.

Credete di essere puri? Vi ritenete davvero immuni dall’avidità? Cos’è che vi spinge a sperare trovare i contatti giusti per migliorare sempre di più la vostra carriera? Esatto.

Se i social network fossero i sette vizi capitali noi li assaporeremmo tutti, senza mostrare un minimo di pentimento.

Leggi l’articolo completo su TheGustiBus,

il bla bla blog di Parole Take Away!

Se invece sei accidioso seguimi per una settimana su Medium:

sette vizi, sette social, sette giorni!

Like what you read? Give Sonia Calamiello a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.