Tu mi fai girar

Il campionato mondiale delle trottole e altre storie rotanti a Play 2016

Una sfida a chi le fa girare più a lungo, a chi le lancia nel modo più strano o a chi riesce a colpire quelle degli avversari, come nell’antichissimo gioco dello Strummolo, o Turbo, di tradizione latina.

La maniera tirolese, con palline, buchi e punteggi.
Il ritorno in grande stile, anche commerciale, grazie al fumetto manga Beyblade che le ha rivisitate in chiave moderna.

Far conoscere i modi di giocare con le trottole in compagnia è l’obiettivo dell’associazione Il Tarlo, che il 2 e 3 aprile 2016 torna a Modena, a Play — Festival del Gioco, per proporre niente meno che la tappa emiliano-romagnola del Campionato mondiale delle trottole.

Il sapere legato al gioco della trottola risiede soprattutto nella memoria popolare, ed è lì che sono andati a scavare i soci del “Tarlo” per riscoprire, anzi “rilanciare” le potenzialità ludiche di questo antichissimo gioco.

Si sono inventati una pista per trottola, il “Turbo”, in cui le trottole, incanalandosi in percorsi intrecciati e scolpiti nel legno, si sfidano per raggiungere il traguardo prima delle altre.

La “Giostra”, altra variante, è un omaggio ai giochi popolari medievali e alle competizioni dei cavalieri.

Infine lo studio dei lanci e delle possibili variabili e combinazioni ha portato all’invenzione del “Contest”, una sfida a lanci sempre più difficili, per sviluppare e migliorare le proprie abilità.


Tutti questi giochi saranno presentati a Play nella ludoteca della trottola, dove si giocherà anche quest’anno un vero e proprio campionato. Si sfideranno contemporaneamente, su una pista di 18 metri, gruppi di 8 giocatori a batterie di 4.


E per i piccoli, ma non solo, ci saranno le “Storie di trottole”.

Nel laboratorio, i bambini sono invitati a inventare, disegnare e raccontare la trottola che hanno in mente… sperando che sia proprio la loro quella prescelta per essere realizzata davvero, dalle mani del Mastro Trottolaio!