Febo.

Si dice che il primo incontro di un grande amore non si scorda mai, tu sei stato un colpo di fulmine in una giornata d’estate.

Un batuffolo di pelo bianco con un codino pompon e un paio di occhi un pò lilla e un po’ azzurro cielo, tutto solo in un angolino; ti portai a casa e da lì tutto ebbe inizio.

Nessuno dei due poteva allora immaginare cosa sarebbe successo, ma non ci siamo mai separati.

Si dice che gli animali possono essere meglio di alcune persone, tu sei stato sopra ogni aspettiva e molto più saggio di tanti umani.

Ti ho portato con me come fedele compagno di viaggio, mi hai portato con te nell’immenso del tuo sguardo e del tuo calore per farmi conoscere un mondo oltre questo mondo, dove la fantasia non ha confini.

Mi hai dato forza e coraggio, mi hai regalato fusa, serenate di miagolii, tenerezza e tanti peli in giro per casa. Ho sorriso tanto per te, ho pianto molto per le tue disavventure. Ci siamo leccati a vicenda le ferite; abbiamo lottato tra di noi e insieme difendendoci dal mondo. Noi cuccioli di vita, cresciuti insieme in questa abbondante dozzina di anni, e la nostra famiglia è cresciuta con noi. Quante avventure reali e quante favole inventate con te protagonista.

Quanto conforto ogni volta trovarti lì, rientrando a casa, nella nostra casa. Oggi non è più così; stamattina un cielo bianco come la tua pelliccia e una nevicata di marzo ti hanno portato con loro, leggero come un fiocco di neve.

Oggi più che mai non vivi solo nella nostra casa, vivi dentro me, nei cuori di questa nostra bizzarra famiglia di pelosi e nei pensieri delle persone che ti hanno incontrato e voluto bene.

Non basteranno mai tutte le parole del mondo per descrivere le emozioni e i ricordi che tu, gattone meraviglioso, hai regalato a Noi e a Zelda.

Non finiranno mai le lacrime, i pensieri, i sorrisi e le favole a te dedicate.

Buon viaggio mio principe dagli occhi azzurro cielo. A presto Febo!