La morte dei propositi: una breve storia triste.

Qualche mese fa ho deciso che era giunto il momento di riprendere a fare regolarmente un po' di attività fisica. A casa dei miei genitori c’era una vecchia cyclette massiccia e pesante che nessuno usava più, anzi, rompeva anche un po' i coglioni, dato che non si poteva piegare. Siccome funzionava, non aveva senso che ne acquistassi una nuova: tanto valeva che prendessi quella.

Ovviamente i miei erano entusiasti che li liberassi da quell’ingombro, ma non abbastanza da aiutarmi a trasportarla a casa mia. Poco male - ho pensato - tanto avevo appena deciso di fare un po' di movimento e quello era un buon modo per iniziare. 
L’ho trascinata giù per 3 rampe di scale, esercitando così braccia, spalle, gambe e corde vocali (principalmente quelle, con 4 serie da 10 di imprecazioni colorite).

Alla fine, al costo di un principio d’ernia, riuscii a caricarla in macchina e portala sotto il mio palazzo.
Qui mi aspettavano 4 rampe di scale, ma almeno c’era l’ascensore! Che ovviamente - mi accorsi con mestizia - era troppo piccola per contenere il trabicolo: facendo affidamento sui (pochi) muscoli ancora non doloranti mi rassegnai a portala nuovamente in spalla. 
Giusto il tempo di sputare mezzo polmone, ed ecco la cyclette finalmente nel suo nuovo posto in studio, pronta all’azione.

Non oggi però - mi sono detto - che per questa giornata mi sono fatto abbastanza il culo.
Da allora non l’ho più toccata.

Fine.

Cordialità, 
Il Triste Mietitore

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.