Bologna dall’alto: 10 posti da non perdere!

Comune di Bologna
Jan 15, 2016 · 4 min read

Bologna può esser scoperta e osservata in molti modi: uno di questi, il più faticoso, sicuramente uno dei più affascinanti, è #dallalto.
Ecco i 10 posti da non perdere. E voi ce ne suggerite altri?

  1. Bisogna salire ben 498 gradini, ma la fatica, una volta in cima alla Torre degli Asinelli, è ripagata così ;-) http://goo.gl/DC1rbQ
foto di Comune di Bologna

2) E’ il nuovo, centralissimo, punto di osservazione della città: la terrazza panoramica San Petronio (si entra da piazza L. Galvani) è alta 54 metri e consente una vista spettacolare sui colli e sulle Due Torri. Si accede con un’ascensore o salendo i gradini del ponteggio. E’ aperta sabato, domenica e festivi con orario continuato dalle 10 alle 17, da lunedì a venerdì l’ingresso è alle: 11, 12, 15 e 16. Costa 3 destinati al restauro della Basilica. Per i gruppi è consigliata la prenotazione all’infoline 346 5768400, tutti i giorni dalle 10 alle 18. http://goo.gl/BrKy3P

foto di Comune di Bologna

3) E’ il portico più lungo del mondo, quasi quattro chilometri (per l’esattezza 3.796 m) e oltre 600 arcate: sì, stiamo parlando di San Luca che, salendo, offre vari, inediti, scorci sulla città e sui colli. http://goo.gl/7FNVJC

foto di Comune di Bologna

4) E’ il belvedere della città: da S.Michele in Bosco la vista è unica e incantevole, di giorno e di notte. Non occorre aggiungere altro ;-)
Si raggiunge comodamente con il bus 30 (fermata al capolinea San Michele in Bosco capolinea) o con la Navetta A (fermata Poliambulatorio Rizzoli capolinea). http://goo.gl/b3tRRD

foto di @itsoriana_

5) Tra astrolabi, telescopi e globi terrestri e celesti, la visita al Museo della Specola si conclude al termine della scala a chiocciola con un’eccezionale vista panoramica. E’ obbligatorio prenotare, la visita dura 1 ora circa ( costo 5€ a partecipante). http://goo.gl/1bRJaA

foto di julia.boechat

6) Alta 60 metri, la Torre Prendiparte o Coronata, è stata interamente restaurata e vive ora una nuova vita: è utilizzata infatti come dimora di pregio per eventi e soggiorni di grande fascino e suggestione. L’accesso alla Torre è possibile solo in occasione di eventi o visite guidate come il Torri Tour: per saperne di più > http://goo.gl/JtPllm

foto di @vale.guidoboni

7) Non tutti lo conoscono, ma è uno dei nostri posti preferiti: all’ultimo piano di Palazzo d’Accursio, sede del Comune e delle Collezioni Comunali d’Arte , si gode un panorama suggestivo su piazza Maggiore :-) http://goo.gl/HRTpU3

foto di @julie.fruit

8) Bologna è una delle poche città che può vantare un percorso CAI (quelli col segnavia rosso e bianco, è il numero 904) che parte dal centro città per arrivare sulla collina: sono circa 5 km (per un dislivello di 220 metri) durante i quali si aprono viste magnifiche sulla città. http://goo.gl/YeBtAF

foto di Comune di Bologna

9) Il campanile della Cattedrale di San Pietro è la seconda “torre” della città (m. 70) e ospita la campana più grossa suonabile “alla bolognese” (in modo cadenzato e con rotazione completa della campana) e pesa 33 quintali. Dalle sue finestre la vista sui colli e sul centro città è davvero impagabile. Il Campanile è aperto sabato e domenica dalle 14 alle 16,30 (info 051 222112) http://goo.gl/BExvEv

foto di Fabio Nacchio

10) Il Parco di Villa Chigi (si accede in via San Mamolo e Via Martucci nella parte bassa e in Via Gaibola nella parte alta, dove c’è anche un ampio parcheggio) è uno dei più estesi della città e passeggiando tra il verde il panorama è splendido. http://goo.gl/iYydS6

Ci sono tante altre possibilità di catturare panorama della nostra città da luoghi inaspettati: dal Bolognahenge di via Mazzini dove osservare il tramonto “in asse” al Parco della Montagnola, che su piazza VIII Agosto, nelle belle giornate di sole, offre impagabili scorci fino ai luoghi dell’Università come Palazzo Paleotti o il dipartimento di Matematica.

E voi ne conoscete altri? Buona scoperta! ;-)

Comune di Bologna

Written by

Account ufficiale di Iperbole, la Rete Civica del Comune di Bologna,