Perché uomini e donne non si capiscono

Le donne parlano spesso in modi che a noi uomini appaiono carichi di confusione, contraddizioni e bugie (a volte inconsapevoli, altre volte intenzionali). A loro volta gli uomini pensano e agiscono in modi che, non di rado, risultano “alieni” e incomprensibili alle donne. 
In questo post esamino le differenze nella comunicazione maschile e femminile, i vari motivi per cui fatichiamo a comprenderci, e come riuscire a capire meglio le donne.

Per venire incontro agli uomini perplessi o confusi dalle affermazioni femminili, nel post “Cosa dicono le donne, cosa pensano davvero” elenco una serie di affermazioni che le donne fanno, e quello che pensano veramente.

Pianeti diversi, lingue diverse

Per molti versi uomini e donne sono differenti, come viene ben espresso nel libro “Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere” di John Gray; e un’area su cui sono assai diversi è proprio nelle modalità di comunicazione:

  • In generale, per gli uomini funziona meglio una comunicazione chiara e diretta, basata sui fatti, priva di allusioni e sottintesi: se qualcuno vuole qualcosa, si aspettano che lo chieda chiaramente.
  • Le donne invece tendono ad una comunicazione più basata sulle emozioni, più sfumata e allusiva, più empatica: si aspettano che l’altro intuisca ciò che vogliono.

Non di rado le donne parlano in modo sibillino, criptico, o attraverso sottintesi, eppure sono convinte di essere del tutto chiare e comprensibili (magari perché fra amiche comunicano in quel modo e si capiscono): purtroppo, nella maggior parte dei casi gli uomini non comprendono, o fraintendono, quel tipo di comunicazione.

Non dare nulla per scontato

Una delle maggiori fonti di incomprensione è comunicare omettendo un’informazione che a noi appare ovvia o scontata, ma che per l’altro è invece necessaria per capirci. Queste omissioni sono problematiche specialmente tra uomini e donne perché, essendo diversi, quello che è ovvio per l’uno è spesso poco chiaro o ignoto per l’altra — e viceversa.
Se quando parliamo con un partner egli replica spesso chiedendo chiarimenti o esprimendo perplessità (p.es. “Eh?!?”, “Di cosa stai parlando?”, “Non so a cosa ti riferisci…”), è probabilmente un segno che abbiamo omesso delle informazioni scontate per noi, ma non per lui. Idem se ci ritroviamo a pensare o dire cose tipo “Lo sai cosa intendo!”, “Tutti lo sanno”, “Ma è ovvio”.

Un’altra fonte di incomprensione sono le aspettative non espresse, perché non ci rendiamo conto di averle, o diamo per scontato che siano valide anche per l’altro. Ma è probabile che invece l’altro non abbia idea delle nostre aspettative, oppure che le sue siano diverse dalle nostre. L’unico modo certo per verificare di volere le stesse cose, è parlarne chiaramente.

Uomini e donne vogliono cose diverse

La diversità tra uomini e donne porta all’incomprensione anche perché spesso abbiamo differenti obiettivi. Per esempio, l’impulso maschile a fare sesso con ogni donna graziosa che incontrano, o il bisogno femminile di essere rassicurate di frequente (dovuti alle diverse “strategie evolutive” per i due sessi), risultano sovente incomprensibili al sesso opposto. Ci è difficile capire quel che non ci appartiene, o di cui non abbiamo esperienza.

Consigli sulla comunicazione uomo-donna

Gli uomini spesso parlano in modo letterale, cioè dicono esattamente quel che pensano o vogliono. Le donne no, quindi non prendete alla lettera quello che lei dice, ma cercate di “leggere fra le righe” e cogliere quello che davvero intende. Se notate una contraddizione tra ciò che lei dice e il suo comportamento, ritenete il comportamento un’indicazione più veritiera delle sue parole (i fatti contano più dei discorsi).

Per esempio, quando una donna si lamenta o parla dei suoi problemi (specialmente con il partner), il più delle volte non sta cercando una soluzione ma vuole solo essere ascoltata, sfogarsi, sentire che a lui importa di lei e della sua vita. Invece gli uomini tendono a prenderla alla lettera, si concentrano sul problema e propongono soluzioni (cosa che la fa sentire non ascoltata, non accolta).

Farsi capire da un uomo

Per le donne: quando volete farvi capire da un uomo, ricordate che — in generale — le sue capacità di comunicazione ed empatia sono più limitate delle vostre (meno intuitivo, meno capace di cogliere allusioni, sfumature e sottintesi, ecc.): dite le cose nel modo più chiaro e diretto possibile, senza dare per scontato ciò che per voi è ovvio o risaputo, un po’ come fareste con una persona straniera.

Se non capiamo, impegnarsi non serve

Quando un uomo fatica a capire una donna, non di rado lei lo rimprovera di non impegnarsi abbastanza, e lo incita a sforzarsi di più. Ma quando il problema nasce da una comunicazione confusa o ambigua, che l’uomo non è in grado di decifrare, un maggior impegno non serve a nulla. Sarebbe come chiedere a qualcuno che non conosce il russo, di sforzarsi maggiormente nel tradurlo: nessuno sforzo produrrà magicamente un’abilità che il soggetto non possiede. La persona che vuole farsi capire deve rendersi conto dei limiti di chi la ascolta, e adattare la sua comunicazione di conseguenza.

[…]

Leggi l’articolo completo sul blog Psicofelicità: “Perché uomini e donne non si capiscono

Se quello che hai letto ti è piaciuto, clicca sulla mano che applaude qui sotto, grazie! :-)