5 miti sulla maternità surrogata

La maternità surrogata è un processo complesso e controverso. Questo metodo di trattare l’infertilità è costantemente circondato da ogni sorta di miti e dichiarazioni ambigue. Nella maggior parte dei casi, un atteggiamento negativo nei confronti di tale portamento del bambino e parto è dovuto al fatto che gli avversari della tecnologia semplicemente non comprendono appieno l’essenza del programma. Abbiamo cercato di dissipare i malintesi più popolari sulla maternità surrogata.

Mito №1. Collegamento di madre surrogata e bambino

Molti credono che una donna debba dare via il suo bambino, e spesso il processo è addirittura paragonato al traffico di bambini. Non c’è alcuna connessione genetica e correlata nella madre surrogata e nel bambino. Tutto ciò che lega questi due persone è di 9 mesi di gravidanza. Le cellule sessuali prendono dai genitori biologici e nell’utero di una madre surrogata viene inserito di un embrione estraneo. Questo è il motivo per cui tutti i diritti sul bambino appartengono automaticamente a sua madre e suo padre.

Mito №2. La maternità surrogata è disponibile solo per i ricchi

Il diritto di diventare genitori hanno tutti, e se tutti i metodi sono provati e l’ultima speranza per una maternità surrogata, allora vale la pena non perdere questa occasione. E poi non importa né benessere o conto bancario. Anche se l’intero importo per i servizi di una madre surrogata non è disponibile, puoi prendere un prestito da una banca, prestare o chiedere a un parente stretto di diventare una madre surrogata per il vostro futuro bambino. Le opzioni per risolvere questo problema saranno sempre trovate.

Mito №3. Solo un parente può diventare una madre surrogata

Una madre surrogata può essere la vostra parente, ma questa non è una condizione obbligatoria. Nella maggior parte dei casi, una donna che è pronta a sopportare un bambino viene selezionata dall’agenzia e non ha alcuna parentela con i futuri genitori. Tali rapporti sono più convenienti, avete pagato per i servizi e potete richiedere l’adempimento degli impegni. Con i parenti ci possono essere problemi, incomprensioni, ecc.

Mito №4. Attaccamento emotivo della madre surrogata al bambino

Prima di ammettere una donna al programma, è sottoposta necessariamente a test psicologici e lavora con psicologa. Ciò consente di determinare la sua disponibilità alla maternità surrogata, la stabilità emotiva in situazioni difficili. Gli esperti regolano correttamente i candidati, aiutano a capire che al suo interno nascerà la vita, che non ha nulla a che fare con il corpo della madre surrogata. A lei è stata affidata il bambino per un po’ e lei deve restituirlo intatto ai suoi genitori.

Mito №5. La madre surrogata non si preoccupa del bambino e non segue la corretta modalità di gravidanza

I futuri genitori sono sempre preoccupati per come il bambino si sente nel grembo di una donna straniera, se si prende cura di lui, non si concede troppo. Per cominciare, il corso della gravidanza è costantemente monitorato da specialisti e la madre surrogata del contratto è obbligata a rispettare tutte le istruzioni del medico. Alla fine, la madre surrogata è anche madre, ha i suoi figlie se ha fatto un tale passo, allora sa come amare la vita umana ed è improbabile che farle del male.
 
Articoli più interessanti e utili possono essere trovati nel nostro blog: vittoriavita.com/it/maternita-surrogata-notizie