Quando si parla di Cannabis non fidatevi di nessuno.

Avete mai visto una bottiglia di alcolico o superalcolico che riporti avvisi come quelli sui pacchetti di sigarette? Esempio: “I figli dei bevitori hanno più probabilità di iniziare a bere”, oppure tipo: “L’alcol può causare morte per cirrosi epatica, cancro, ictus, epilessia, incidenti, ecc…”, la lista è lunga; si stima che l’insorgere del 10% di tutte le malattie conosciute sia attribuibile all’alcol.

Naturalmente no, non avete mai letto avvisi di questo genere, perchè non esistono campagne di informazione sui pericoli dell’alcol ne divieti di promozione del consumo. Eppure l’alcol è la prima causa di morte per abuso di sostanze, secondo solo al tabacco, che però non prenderemo per il momento in considerazione perchè non provoca stati di alterazione. Dunque l’alcol è la prima causa di morte per abuso di sostanze: l’ultimo rapporto dell’OMS riporta un dato di circa 3,3 milioni di morti l’anno, contro i 250 mila morti provocati dall’abuso di tutte le droghe messe insieme, fatto salvo per la Cannabis, che nonostante sia ancora illegale e altamente demonizzata in molti paesi, è l’unica sostanza psicoattiva che non ha mai causato un solo morto nella storia del mondo. Eppure il consumo di alcol è legale e socialmente accettato. L’alcol è un simbolo universale di festa, pace e allegria, non esiste celebrazione che si rispetti in cui l’alcol non scorra a fiumi con tanto di benedizione del prete.

Quando, invece, si parla di legalizzazione della cannabis, ecco che spuntano come funghi i detrattori della sostanza paventando pericoli di ogni genere. Gli argomenti usati contro la legalizzazione appaiono, mentre leggi l’articolo, basati sulla scienza, ma lo sono davvero? Non proprio. Il punto è che risulta difficile dare fiducia agli studi scientifici , in generale, e ancora di più quando si tratta di studi sulla cannabis.

Sembra che ogni settimana venga pubblicato un nuovo studio sulla cannabis, che in alternativa elogia la cannabis come cura per tutto o ci avverte che causerà un’epidemia di cancro al pancreas nei cani, piuttosto che fare esplodere il cervello degli adolescenti. E anche se qualcuno lavora letteralmente a tempo pieno per tenere traccia di tutto ciò, spesso si sente come un cane a una partita di tennis. Di gran lunga la cosa più frustrante della scienza macchiata, tuttavia, è vedere come alcune persone siano disposte a massaggiare gli studi sulla cannabis per i propri scopi.

“Poiché la gamma e la qualità degli studi sulla cannabis — e solo la variabilità delle tecniche di raccolta dei dati — qualunque cosa tu voglia, puoi trovare supporto per quello che vuoi comunicare pro o contro”, dice il dottor Josh Kaplan, un postdoc in neuroscienza presso l’Università di Washington che si specializza nella ricerca medica sulla cannabis.
Un sacco di precedenti studi sulla cannabis, osserva, erano semplici come chiedere alle persone se fumavano erba e cosa si provava. Poi, dice, “si è spostato su questa, direi, valutazione iper-saliente degli effetti della cannabis. Significa che invece di guardare ai normali schemi di uso umano, si colpisce il cervello con una tonnellata di THC. Sappiamo che questi non sono normali modelli di uso umano, perché ci sono altri cannabinoidi (nella cannabis) che contrastano l’effetto del THC .”
Uno dei maggiori problemi con gli studi sulla cannabis, pensa Kaplan, è che di solito non usano la cannabis vera e propria che le persone fumano. Gli effetti della cannabis non sono dovuti a una singola molecola, sottolinea, e far saltare i recettori CB1 con un singolo cannabinoide sintetico non ci dice molto sulla reale esperienza dell’uso della cannabis.

Le persone vogliono vendere articoli e vogliono ottenere clic e titoli, magari per cercare di avere un mandato o di ottenere finanziamenti, hanno bisogno di scrivere un articolo che piaccia anche al loro pubblico.

In effetti, ad esempio, uno studio che esamina gli effetti della cannabis sulla conservazione dei pensieri negativi — “sbiadimento degli affetti” — è stato recentemente pubblicato su Live Science sotto il titolo “Bad Vibes? Gli utenti pesanti di marijuana resistono nei sentimenti negativi. ”

I soggetti sono stati divisi in utenti e non utenti e poi intervistati sui loro ricordi piacevoli e spiacevoli recenti. Il gruppo che usa la cannabis era più incline ad aggrapparsi a quelli cattivi e più probabilmente a descrivere i loro ricordi in termini generali, un effetto anche legato alla depressione nota come “memoria autobiografica sovra-generativa”. Stranamente, lo studio in sé non è collegato al pezzo e non si fa menzione di chi siano queste persone. Tutto quello che sappiamo è che un gruppo fuma quattro o più volte alla settimana e l’altro no. Anche gli utenti di cannabis bevevano un quinto di gin al giorno? Erano precedentemente depressi? Il loro cane è appena morto? Hanno divorziato di recente? Senza risposte a queste domande, ho difficoltà a credere che sia la cannabis a causare le loro persistenti emozioni negative. E, naturalmente, lo studio non rivendica nesso di causalità, solo correlazione.

Mentre articoli come questo sono estremamente frustranti, non sono un’accusa generale alla scienza. Nell’era delle notizie false e post-verità, la scienza è più importante che mai: è solo importante verificarla.

Abbiamo persone che si occupano della paura e dicono: ‘È pericoloso, è brutto, non dovremmo farlo!’. E poi, dall’altra parte, abbiamo gli attivisti della cannabis che dicono: ‘E’ la cura per tutto! Non succederà mai niente di brutto! Tutti dovrebbero fumare cannabis dal secondo in cui si svegliano fino al momento in cui vanno a dormire, dalla nascita fino alla morte. “Nessuna di queste è corretta.”

Per tagliare le narrative conflittuali, si suggerisce di fare il click sugli studi di cannabis che sono citati e almeno di leggere l’abstract. Può sembrare greco, ma ti darà un’idea di chi hanno studiato, siano topi, veterani o adolescenti. Ti dirà anche quanti soggetti sono stati inclusi. Se erano solo quattro, i dati non hanno molto peso. E di solito parlerà di ciò che i ricercatori hanno o non hanno controllato. Kaplan suggerisce che anche la ricerca di studi in doppio cieco basati sul placebo può essere d’aiuto, poiché sono considerati il ​​gold standard dell’oggettività. Sfortunatamente, non ci sono quasi studi sulla cannabis che indagano sul potenziale terapeutico della pianta che sono progettati in questo modo, a causa delle barriere legali alla ricerca della cannabis.

Ma oltre a valutare gli specifici studi sulla cannabis coinvolti, è anche una buona idea fare un passo indietro e osservare come lo studio in questione viene applicato alla vita reale. Il fatto è che, esattamente, nessuno sta suggerendo di dare bong caricati ai bambini. Kaplan è d’accordo con gli studi sulla cannabis che mostrano impatti negativi sullo sviluppo del cervello per gli adolescenti, e sottolinea anche il potenziale effetto scatenante della cannabis sugli adolescenti che sono geneticamente predisposti alla schizofrenia: “Non penso che ci siano troppe persone là fuori che difendono l’uso di THC per adolescenti, a meno che non si tratti di gravi motivi rilevanti dal punto di vista medico”, dice.

C’è anche il fatto che ogni singola legge di legalizzazione limita l’acquisto di cannabis legale agli adulti di 21 anni e più anziani, e include anche un aumento dei finanziamenti per l’educazione alla droga dei teenager. E mentre c’è una discussione proibizionista che spinge per convincere che, legalizzare la cannabis fa credere agli adolescenti che non è rischioso consumarla (una grande parte della cultura del mercato nero della cannabis), questo non è esattamente il messaggio che l’industria stessa sta cercando di spingere, semmai tutti puntano a spiegare agli adolescenti che è meglio ritardane l’uso dopo la maggiore età, quando lo sviluppo del cervello è completo.

Oltre a tutto ciò, gli studi sulla cannabis, infatti, suggeriscono che l’uso degli adolescenti diminuisce negli stati ove è legale. Naturalmente, quella scienza statistica è soggetta allo stesso esame di qualsiasi altro studio che coinvolga dati auto-segnalati sull’uso, ma dovrebbe arrivare direttamente dal governo. Sembra strano che qualcuno che ci esorta a prestare maggiore attenzione alla scienza lo voglia omettere.

Come ultima osservazione, non possiamo non tenere conto del fatto che la cannabis non ha mai ucciso nessuno, è scientificamente provato che la cannabis è ben 114 volte meno dannosa dell’alcol.