Finalmente Spielberg svela quali sono i suoi cinecomic preferiti

Preso dall’euforia per gli applausi ricevuti a Cannes dopo la proiezione del nuovo film, il regista statunitense rilascia alcune dichiarazioni in tema cinema e supereroi

Era lo scorso settembre quando Steven Spielberg scosse il mondo della settima arte con queste parole: “Abbiamo assistito alla morte dei Western e ci sarà un giorno in cui i cinecomic faranno la stessa fine.” A distanza di otto mesi riesce a stupire ancora annunciando i suoi titoli preferiti: “Mi piace molto il “Superman” di Richard Donner e “Il cavaliere oscuro” di Nolan, e anche il primo Iron Man, ma il film sui supereroi che più mi ha impressionato è quello che non si è mai preso troppo sul serio: “Guardiani della Galassia”.

Il pluripremiato regista presenta per la quarta volta al Festival di Cannes un suo film; si parla di The BFG — Big Friendly Giant tratto da un romanzo di Roal Dahl, accompagnato da una platea completamente entusiasta del lavoro svolto. Il red carpet ha visto Spielberg sul punto di commuoversi finita la proiezione della pellicola, lasciandosi scappare solo un fugace “Amazing” davanti a una quarantina tra fotografi e giornalisti.

E’ evidente il ritorno a una narrazione fedele ai primi prodotti firmati con la sua regia: una storia che parla della profonda amicizia fra un gigante e una bambina, in un mondo dove i sogni si possono perfino catturare; in questo caso però il destinatario vuole essere cresciuto. Perché lo scenario, in cui questo film viene proiettato, ha bisogno di più ottimismo e maturità a parere del regista che lascia la kermesse con queste parole “In tempi duri come questi dobbiamo tornare a sognare” e il pubblico con la versione lunga del trailer.