Disarm

Ci sono notti in cui mentre cammini verso la macchina ti vengono in mente alcune canzoni.

Stasera non riesco a togliermi dalla testa gli Smashing Pumpkins. Cammino e penso a Disarm. Mi guardo intorno, il centro stasera è bellissimo.

Si può urlare o sussurrare, essere violenti o esprimere i bei sentimenti. Disarm poteva essere una canzone di rabbia, ne è venuta fuori una canzone di bei sentimenti.

La ascolto e cammino, la notte fa il resto. Sarebbe bello incrociarti, così quasi per caso. Riconoscerti all’ultimo. Vedere come cammini, come ti sistemi i capelli. Perché la bellezza sta nei dettagli.

Billy Corgan ha firmato la soundtrack, manca il film. È notte e la città è bellissima. Fosse un romanzo mancheresti solo tu, non ci sei ma sarebbe bello incrociarti in questa città che non è la tua.

Ma due che si incrociano esattamente che si dicono? “Disarm you with a smile”, sarebbe bello. Già proprio da film. Forse sarebbe solo un attimo, un incroci, uno di quelli che a scuola guida ci facevano penare.

Sarebbe bello vedere come ti sistemi i capelli, già perché c’è sempre un motivo per sistemarsi i capelli.

È notte, il centro alle spalle, la macchina vicina. Disarm lascia posto a Tonight, Tonight. La notte è di Billy Corgan, ci sono canzoni nate per essere ascoltate di notte. Non ho incrociato nessuno. Questo potrebbe essere l’incipit di un romanzo, chissà.

Disarm suona ancora. A volte certi pensieri sanno come cullarci. Buona notte.