L’attacco di Marina Berlusconi a Renzi e la spaccatura nel partito Mediaset

@signorelli82

La presidente Mondadori contro il premier. E considerando che amici storici e figli sono sempre stati considerati i veri fautori del patto del Nazareno, la cosa fa una certa impressione.

Fino a oggi, si era sempre data per scontata una cosa, e cioè che a essere il primo e più importante supporter del patto del Nazareno tra Berlusconi e Renzi fosse il vero cerchio magico del Cavaliere. Quello in cui nemmeno Francesca Pascale e Mariarosaria Rossi entrano. Quello costituito da Gianni Letta, Federico Confalonieri, Piersilvio e Marina Berlusconi. Ovvero gli amici storici e i figli di primo letto; il consigliere più fidato e i dirigenti che hanno in mano le aziende di famiglie.

Si dava per scontato che fossero stati loro a “costringere” il Cavaliere a garantire la tenuta del governo, per il bene di aziende che hanno bisogno di un esecutivo che faccia le riforme e che garantisca stabilità all’Italia, tenendola al riparo dalle tempeste dei mercati che avrebbero potuto mettere a repentaglio Mediaset & co. Non solo, i più sospettosi immaginavano anche un patto segreto, con protagonista probabilmente la trattativa sulle frequenze, ma la cosa non è mai stata provata. In generale, però, si era tutti sicuri che le ragioni dietro all’accordo tra Berlusconi e Renzi fossero, da parte di Forza Italia, esclusivamente aziendaliste. Tanto che qualcuno parlava di un “partito Mediaset” che aveva preso il potere su Forza Italia.

A conferma di tutto ciò erano arrivate le parole di Piersilvio Berlusconi su Matteo Renzi, grandi elogi che avevano suggellato il nuovo corso. Poi, si sa che cos’è successo: Berlusconi è stato in qualche modo costretto a rompere il patto, per le fortissime tensioni interne a Forza Italia e anche per lo sgarbo subito in seguito all’elezione di Mattarella. Una rottura che, stando alle cronache, non è per niente piaciuta a Fedele Confalonieri, per i motivi di cui sopra. Politicamente parlando, invece, si sta iniziando a pensare che il patto del Nazareno possa risorgere non appena passata la tempesta delle elezioni regionali 2015.

Per tutte queste ragioni, fa un certo effetto sentire le parole pronunciate da Marina Berlusconi ieri in un’intervista all’Ansa.

Continua a leggere su: www.polisblog.it.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.