The Biani ban
Maurizio Boscarol
181

Il rapporto fra Facebook e la libertà d’espressione non è dei migliori - e le buone intenzioni espresse guarda caso proprio all’indomani dell’8 novembre 2016 non cambiano i fatti.

Facebook, in quanto business, segue gli imput degli utenti/clienti: e se un numero congruo di essi ritiene offensivo un contenuto, la piattaforma non ci pensa due volte a bannarlo.

Sono veramente tante le pagine che si ritrovano bloccate o più o meno temporaneamente grazie all’attacco congiunto di più haters

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.