This story is unavailable.

Più passano i giorni e più sono convinto di sostenerti!

PS: noi ci siamo! Vogliamo un Matteo combattivo, come lo è stato anche lunedì in direzione nazionale, vogliamo un Matteo che prima della poltrona (e lo ha dimostrato non di essere attaccato alle sedie) mette in primo piano il bene dell’Italia e dell’unità del PD.

Caro Matteo,

se il PD oggi è così diviso la colpa non è tua, ma di coloro (che pur essendo ex dirigente del PD) il 4 dicembre hanno detto NO facendo anche campagna referendaria a sostegno del PD usando impropriamente il simbolo del Partito Democratico, ma ciò che ancora di più non ho gradito e che oggi, nonostante i due messi che ormai sono passati, è stato il brindisi all’interno della sede del Ns partito durante la proclamazione della vittoria del no.