Benvenuti nel nostro Bistrot

Le Bistrot nasce nel giugno 2016, quando un gruppo di amici appassionati di storytelling si riunisce al “BAR Lilio” -il luogo di incontro della crew- e inizia a parlare della creazione di un blog.

“Un Blog?! Wow, che figo! Aspetta, ma come lo possiamo fare? Ce ne sono tanti in circolazione…”

Queste sono state le parole che mi sono sentito dire quando l’idea di blog era in nuce e a pronunciarle è stato Giorgio.
Durante l’estate ci siamo visti, scritti e chiamati per trovare idee e scambiare pareri, il tutto volto a creare un blog innovativo, differente dalla maggior parte di quelli in circolazione, sfruttando le numerose potenzialità del web. Tutto ciò che la nostra mente ha pensato lo abbiamo accuratamente inserito in un frullatore e oggi, xx settembre, siamo pronti a servirvelo su una piattaforma rivoluzionaria: Medium.com

“Allora!? Che avete pensato di fare? Io voglio scrivere per raccontare e raccontarmi!”

Fino a questa domanda ero incerto su cosa proporre di preciso ai miei amici, perché ogni idea che avevo era già stata sviluppata da qualcun altro, più veloce e concreto. Rimango diversi secondi in silenzio, mentre nella mia testa echeggiava l’eco di quanto mi era stato appena detto: “voglio scrivere per raccontare e raccontarmi… per raccontare e raccontarmi…e raccontarmi” 
Ma se si potesse raccontare qualcosa, anche un evento che tutti hanno vissuto o di cui hanno sentito parlare, attraverso la nostra storia che si intreccia con quella dell’evento? Sarebbe la storia nella storia, con la storia, per la storia. Insomma, potremmo raccontare due storie parallele che si incontrano nel punto che sarà l’acme del racconto, per sfociare in un finale condizionato da quel punto.
Il gruppo whatsapp del “blog in nuce” inizia a riempirsi di suggerimenti su come sviluppare questo format. Proviamo disparati modi di svilupparlo, incontrando tante difficoltà e utilizzando molto tempo per intrecciare le storie, ma il risultato finale era sempre lo stesso: piacere.

“Tutto bello, ma dove mettiamo tutti i contenuti che svilupperemo? Su quale piattaforma? Di quali argomenti vogliamo scrivere? Ci servirebbe un logo! E il nome?!”

Risolto un problema di notevole rilievo, non c’è stato il tempo di rasserenarsi, che qualcuno era pronto a far emergere nuovi problemi da risolvere. Fortunatamente Giorgio è molto informato sulle tendenze del web, perciò si è assunto l’incarico di sviluppare tutto su una piattaforma nuova, ancora non popolare in Italia: Medium.com, un social network dove si condividono storie, semplice ed efficace. 
Dopo una lunga discussione abbiamo deciso insieme di trattare solo argomenti dei quali fossimo appassionati, per garantire al lettore qualità dell’informazione e a noi piacere nella scrittura. In virtù di questo abbiamo aperto 6 categorie: Calcio, Basket, Pop culture, Cinema, Musica e Tranches de vie. Se per le prime 5 seguiremo il formato sopra descritto, per la sesta racconteremo esclusivamente esperienze da noi vissute, o vissute da persone che ce l’hanno raccontate. Sono pezzi di vita che vi regaliamo, condividiamo per trasmettervi emozioni, le stesse che noi abbiamo provato.
Per la creazione del logo voglio ringraziare Laura, che ha dedicato la sua estate alla progettazione e realizzazione dell’icona che rappresenterà “Le Bistrot”. Perché Le Bistrot? Il nostro obiettivo è scrivere storie; perciò abbiamo scelto il luogo piccolo, accogliente, caloroso e raffinato dove poterle raccontare: le Bistrot. Questo è anche il posto dove si incontrano gli amici che parlano per ore, raccontandosi emozioni. Questo vogliamo: farvi divertire, strapparvi un sorriso o una lacrima facendovi immergere nelle nostre storie.

Entrate nel nostro Bistrot. Noi vi spettiamo!
One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.