Illustrazione di Michele Zamparo

L’interazione con gli utenti è una cosa seria. Parlare di interazione significa chiamare in causa molte discipline, trovarne un minimo denominatore comune e cercare di progettare la soluzione migliore.

Questo processo non è mai semplice.
Sia che noi lavoriamo in un’agenzia o all’interno di un’azienda, come progettisti ci troveremo sempre a dover coniugare, all’interno di una customer journey, lo user centered design (che amiamo tanto) e le necessità aziendali di business e marketing (che amiamo poco).
Far convivere questi due aspetti è tanto difficile quanto necessario.

Sappiamo che progettare “business driven” non è più la scelta migliore: nel mondo digitale…


Progettare e utilizzare finestre modali efficaci non è difficile, basta conoscerne scopo e peculiarità

Illustrazione di Michele Zamparo

- Hai presente la pagina del nuovo sprinter LS-19/80? Hanno già chiesto una modifica. - Di già? Ahahahah! Cosa si sono dimenticati? - Un pezzo fon-da-men-ta-le. Nella mail l’hanno proprio scritto così. -Vabbè, cosa si sono scordati questa volta? -Un testo. È una richiesta del legale che chiede di aggiungere una frase nel caso l’utente abbia già aderito in passato a un servizio simile. -Ma l’hanno vista almeno tre volte. Abbiamo pure l’ok scritto. -Che ti devo dire… è fon-da-men-ta-le… ahahahah. -Vabbè. Aggiungiamo un modulo tipo questo? -No. È troppo. E “loro” non vogliono che si veda troppo… vogliono una…


“hand tool on wall” by Lachlan Donald on Unsplash

Diciamo sempre che progettiamo per gli utenti. Siamo sicuri di farlo proprio sempre? Siamo sicuri di aver considerato tutte le categorie?

In un normale flusso di lavoro, per un progetto di agenzia, abbiamo sempre una prima parte di scoperta fatta di interviste, focus group e benchmark.
Questa fase ha lo scopo di individuare tutte le tipologie di utenti per i quali stiamo lavorando.
Tralasciamo ogni volta la categoria più difficile da accontentare, quella con i maggiori vincoli e le più forti restrizioni.
Il Cliente.

Non ditemi che non vi è mai successo!

Scenario: stiamo preparando la Gara delle Gare (di nuovo!).

Abbiamo speso ore in discussioni, immaginando scenari…


Photo by Tim Gouw on Unsplash

Siamo ancora legati al mito americano. Ci piace parlare con termini cool per dare di noi un’immagine updated, ma siccome siamo italiani e la nostra tradizione è forte ci piace pensare glocal.

Chi si occupa di UX vive quotidianamente questo italico dramma, e si trova spesso a cavallo di due mondi. Da un lato quello ideale fatto di articoli bellissimi (e a volte un po’ irreali) sulla metodologia, sul giusto approccio, ricchi di terminologie professionalizzanti come Design Thinking, User-centered Design, Service Design, Customer Experience etc. Dall’altro il mondo reale, il mercato italiano, dove la UX è un concetto astratto, senza…

Attilio Raiteri

Every day, I look around and I’m surrounded by users. Digital Experience manager at Sky Customer Digital Transformation dept.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store