Zollette Agrodolci

Palermo narrata a piccoli sorsi, in storie di un passato immaginario

18oo circa… nel retrobottega di una drogheria

Il quaderni per gli appunti rimanevano aperti sul tavolo per tutto il tempo della sperimentazione. A volte i due fratelli passavano intere giornate chiusi dentro il magazzino delle spezie. Quel piccolo bugigattolo a ridosso della drogheria, nonostante non avesse neanche una finestra, fosse sempre ammassato con scatoloni, piccole botti di vino e cassette di gassose e passito, era diventato il loro piccolo laboratorio segreto. Con o senza pioggia, inverno o estate che fosse in quegli attimi il mondo fuori sembrava non esistere più. In quella microscopica oasi di retrobottega avevano trovato la loro dimensione ideale per immergersi, senza distrazioni, dentro le infinite prove per creare una “pozione magica” sempre nuova. In fondo erano le idee che dovevano essere “grandiose”!

La loro era una passione smisurata per quell’ Arte espressa dentro un bicchiere da bere, l’alchimia pura negli accostamenti, bouquet e retrogusto, e una continua ricerca tra spezie di ogni tipo, oli essenziali, erbe aromatiche e gradazioni alcoliche!
Si, era questa la loro passione: i liquori e le bevande!
Certe sere però uscivano dalla loro tana anche un po’ brilli, ma era un buon segno, perché probabilmente avevano trovato il tanto cercato equilibrio “perfetto”… fra gli ingredienti naturalmente!

La bilancia calcolava ogni grammo da aggiungere o togliere mentre la matita segnava le percentuali su un quadernetto da strapazzo. Poi, dopo l’ultima degustazione, appena il sorriso li raggiungeva entrambi, istantaneo e simultaneo, che nemmeno tra gemelli siamesi c’era una tale telepatia, si ricopiava tutto in bella sull’altro quaderno, quello dalla copertina nera. 
Quel quaderno era il loro “testo sacro segretissimo” … E’ vero, accadeva anche che arrivassero giorni storti, talmente burrascosi da far volare qualche bottiglia fra i due ma su questo accordo avevano firmato con un patto di sangue: nessuno poteva conoscere la formula definitiva dei loro succulenti intrugli!

- Secondo me ci siamo, anche se…

- Ecco, appunto, è questo “anche se” in sospeso che non funziona!

- Senti, allora, se dobbiamo osare, aggiungiamoci un poco di questo olio essenziale qua — gli risponde con aria decisa porgendo una boccetta verde al fratello.

- … mmm ma come la ricetta della settimana scorsa? … fammi pensare, … si ma questa volta fammi fare a modo mio, io azzarderei con questa percentuale rispetto a quella dell’essenza di cumino e all’anetolo, tu che dici?

- E che ti devo dire? ogni azzardo è ben accetto! fai fai, e se riesce… altro che acqua e anice la prossima estate!

e tu, custodisci una ricetta segreta di cui sei geloso, oppure condividi le tue conquiste svelando ogni trucco?

Le keywords dei curiosi: 
- zammù
- spuma bionda
- gassosa 
- soft drink

*Le Zollette Agrodolci sono una raccolta di micro racconti, tutti liberamente ispirati alla storia di Palermo e al suo patrimonio culturale, con un occhio di riguardo alla tradizione enogastronomica del territorio e dei dintorni.
Le Zollette Agrodolci si leggono in un sorso, giusto il tempo di una pausa caffè!

Zolletta n°13
©angelamariabenivegna-2016\17
 photo by ©angelamariabenivegna