Perché non è stato il web a uccidere Tiziana Cantone

Matteo Lenardon
Sep 15, 2016 · 9 min read

La sera del 12 settembre è stato ritrovato il corpo senza vita di Tiziana Cantone. Il suo collo, stretto da un foulard, spezzato in uno scantinato toscano. Impiccata.

Suicidio, è stata subito l’opinione della polizia accorsa sul posto.

No, è stato l’urlo del commentariat, è stata uccisa e ora vi spiegheremo perché attraverso un’analogia.

I sospetti di questo omicidio-suicidio, infatti, sono tanti.

SOSPETTO N.1 — “Sono stati i social”

I social sono, per molti, il primo sospettato. È quello che scrivono la maggior parte delle persone… sui social.

Ninjamarketing ha anche pubblicato un saggio dal titolo “Condividere, per distruggere: il caso Tiziana Cantone e il ruolo dei social media”

SOSPETTO N.2 — “Essere donna”

Fabio Nacchio, attivista LGBT, scrive un post molto condiviso su Twitter in cui collega la morte di Tiziana “al suo essere donna”.

“Lo sappiamo bene,” scrive Nacchio. “Tiziana ha pagato non la sua ingenuità o il suo, ammesso ci fosse, esibizionismo. Ha pagato il suo essere donna.

Perché in questa società certe cose te le puoi permettere solo se sei maschio, etero, e possibilmente ricco.”

L’opinione è ripetuta in altri termini da molte persone.

SOSPETTO N.3 — “Tutti”

Molti su Twitter hanno dato la colpa a “tutti”. Abbiamo tutti le mani sporche di sangue per quanto riguarda Tiziana.

SOSPETTO N.4 — “I pornodipedenti”

Huffington Post pubblica un pezzo dal titolo “La morte di Tiziana e la maleducazione sessuale dei porno-dipedenti”.

“Tiziana è stata additata pubblicamente come una poco di buono,” scrive l’autrice. “Una ragazza facile perché fa sesso orale con divertimento e malizia, con l’aggravante del tradimento: troppo per quei maschi che non tollerano nessuna libertà nelle donne che frequentano, se non poi rifugiarsi continuamente nel porno.”

SOSPETTO N.5 — “Il cyberbullismo, ma peggio”

La giornalista e scrittrice Loredana Lipperini dà la colpa al cyberbullismo sul suo blog.

SOSPETTO N.6 — “La bigotteria italiana”

Roberto Saviano ha preso una pausa dal ricordare cose e ha riflettuto su Facebook sulla morte di Tiziana. A ucciderla è stata la bigotteria italiana.

“La donna che si diverte a fare sesso è prostituta, l’uomo è “uno buono”. Tiziana l’ha uccisa non la sua leggerezza, ma la bigotteria italiana.”

SOSPETTO N.7 — “L’espertismo”

Andrea Scanzi ha trovato il colpevole della morte di Tiziana: i tuoi ex compagni del liceo su Facebook.

“Ma è soprattutto questa voglia perversa di dare un giudizio su tutto”, scrive Scanzi su Facebook. “Questo eterno “espertismo” che tocca persino la morte di un ragazza — che mi terrorizza. E che mi fa paura. Chi fa battute, che la butta sul ridere, chi indossa la maglietta con la frase che Tiziana ha reso suo malgrado celebre. Ormai non ci fermiamo neanche di fronte alla morte. Anzi. Viviamo nell’era del perenne cicaleccio morboso, e per colpa dei social network ci tocca pure leggerlo.”

SOSPETTO N.8 — IL WEB

I quotidiani, invece, hanno stanato il colpevole. Tutto il web. Alcuni titoli di prima pagina dei quotidiani usciti oggi in edicola.

Leggo: Le ragazze divorate dal web.
Il Messaggero: Gogna sul web.
Il Manifesto: Lo specchio disumano della rete.
Il Giornale: La rete è un far west, non diventiamo complici
L’Unità: Gli orrori quotidiani della rete.
Libero: Internet è un inferno
Il Fatto: Tiziana e la pistola cieca dei social
Avvenire: La gogna mediatica che violenta

Ricostruzione al computer della gente che ha ucciso Tiziana Cantone

Tutte queste riflessioni sono state condivise e discusse con passione perché si basano tutte sulla realtà. Sì, il web è pieno di stronzi, sì, gli uomini sono stronzi con le donne, Facebook e Twitter fanno schifo, l’Italia è un Paese di frustrati bigotti ipocriti e farsi troppe seghe fa male? Ok, se lo dice l’Huffington Post, ci credo. Ma cosa c’entra tutto questo con la dipartita di una ragazza di 31 anni? Nulla. Assolutamente nulla.

Si sta diffondendo una narrativa perversa su quello che è accaduto. Si sta raccontando di Twitter e Facebook come di casse di risonanza per purificatori digitali che perseguitano la libertà sessuale delle ragazze moderne. Il problema di queste considerazioni è che è successo esattamente l’opposto.

I video sono diventati virali per lo stesso motivo per il quale tutti i video diventano virali: mostrano qualcosa che la maggior parte delle persone non ha mai visto.

Nella quasi totalità dei video amatoriali online si vede l’uomo prendere l’iniziativa, mentre la donna si nasconde dalla telecamera, o chiede di non essere ripresa o manda a cagare il tizio che ha appena acceso il flash sullo smartphone per illuminarla meglio. Le dinamiche di questi video non sono mai chiare. Tutti i soggetti sono contenti di essere ripresi? Lo stesso si ripete nei nostri vissuti, il “filmino”, scatta quasi sempre solo dopo diverso tempo e dopo molta fiducia guadagnata. O non scatta proprio.

Nei video di Tiziana, invece, non si vede una donna passiva. È il suo compagno che riceve ordini. La frase che l’ha resa popolare è stata stampata su delle tshirt proprio perché ribalta l’idea di una donna a servizio solo del piacere maschile.

Il punto è: Tiziana Cantone voleva essere il simbolo di tutto ciò?

La risposta è no. Quei video erano strettamente personali, e avrebbero dovuto essere visti solo da cinque persone. Non erano stati fatti per ispirare a cambiare i costumi sessuali di una nazione.

Com’è possibile, quindi, che una serie di video privati rubati siano diventati così pop da essere usati per chiudere in modo ironico le hit estive di Lorenzo Fragola?

Quotidiani e giornalisti stanno scaricando la colpa sul “web”. Ma di video come quelli di Tiziana ne esistono decine di migliaia solo in Italia e milioni nel mondo. Basta andare su un qualsiasi sito porno e inserire nomi femminili per cercarli. Alcuni di questi diventano popolari per un breve periodo, ma non escono mai dalla loro nicchia. Vogliono far passare questa narrativa per nascondere le loro colpe.

La stampa italiana ha vampirizzato Tiziana Cantone come un clickbait qualsiasi, come un nuovo smartphone che esplode o un video di cane buffo, ignorando qualsiasi etica giornalistica o anche solo la normale empatia umana e ora pretende di farci la morale sulla cattiveria del web. La stampa ha permesso al video di fare il salto da “passatempo per pornodipendenti” a fenomeno da parodiare e dileggiare sulla rete. Mai, prima di Tiziana, un video amatoriale rubato è stato discusso sulle maggiori testate italiane come un divertente fenomeno di costume, come un servizio sul caldo di agosto o le scarpe di moda quest’anno.

Il Fatto Quotidiano ha, per esempio, cancellato solo la sera del 14 settembre l’articolo trionfante che rilanciava divertito il video di Cantone. “Tiziana Cantone, gira un video hard con l’amante e diventa il nuovo idolo del web”. Da apprezzare anche la classe di includere nome e cognome all’inizio del titolo del pezzo e nell’url del sito in modo da ottimizzare al meglio il SEO sui motori di ricerca. Poi arriva la considerazione della giornalista, quella che esemplifica al meglio l’orrore peggiore del giornalismo italiano: l’obiettività. Tutto ciò che accade deve avere un pro o un contro e chi scrive non può prendere posizione, non importa quanto l’altra campana sia stupida. Se parli dei vaccini devi parlare di chi pensa che causino l’autismo. Se parli dello sbarco sulla luna devi citare chi crede che sia tutto stato girato in un capannone nel deserto. Se parli del video di Tiziana Cantone allora devi scrivere questo. “Rivendicazione di un amante o marketing di una futura pornostar? Pare infatti che i video in rete in cui la vedono protagonista siano più o meno cinque. C’è chi la considera vittima, chi invece pensa che sia tutto un’operazione studiata a tavolino.” Ma se tu stessa ti poni il problema di una vendetta di un’amante, se pensi di stare parlando di una vittima, perché allora rilanci ridacchiando il video? L’articolo è rimasto online per 16 mesi.

Il caso de Il Fatto è disgustoso, ma ce ne sono stati altri peggiori. In alcuni articoli addirittura si stilavano tutorial per spiegare i modi migliori per vedere il video. È impossibile linkarli ora, perché nell’ultima settimana (un saluto alle normali regole giornalistiche!) sono stati tutti cancellati. Prima grazie alla causa intentata dall’avvocato della Cantone e successivamente spinti dalla notizia della sua morte.

Per questo è inaccettabile leggere queste filippiche moralizzanti provenire proprio dai giornalisti. Per questo è da vigliacchi ipocriti scaricare la morte di una ragazza sul “web”.

L’unico ad aver chiesto scusa per tutto questo, e bisogna celebrarlo perché a mia memoria non è mai accaduto, è stato solo Peter Gomez de Il Fatto Quotidiano.

Tutte le grandi testate internazionali seguono un codice etico interno che impedisce la pubblicazione di nomi e foto di vittime di abusi sessuali, di bullismo e attacchi alla privacy. Non esistono grandi testate internazionali in Italia.

Ma è stato il web! La gogna del web! Lo dicono Saviano, Scanzi e Lucarelli!

Se il web ha ucciso Tiziana Cantone allora 6 milioni di ebrei non li ha uccisi Hitler, ma la radio su cui trasmetteva gli ordini.

Se il web ha ucciso Tiziana Cantone allora la colpa della carriera di Andrea Scanzi non è di Travaglio, ma di Daniele Luttazzi che ha lanciato quest’ultimo in TV.

I giornalisti sono così contenti di poter direttamente collegare tutte le persone che giornalmente li criticano su Twitter e Facebook a un sucidio e sono così eccitati di poterti raccontare quanto siano meglio dei loro stessi follower e della società italiana in generale che si sono scordati di un piccolo dettaglio: nel resto del mondo hanno già risolto problemi come quello di Tiziana.

Perché Tiziana Cantone ha ucciso Tiziana Cantone. Chi ha ispirato la sua mano è il tizio che per primo ha schiacciato upload sul suo video. Il nome del responsabile che l’ha portata a uccidersi però non lo sa nessuno. Perché siamo un paese di opinionisti, non giornalisti. O, meglio, siamo giornalisti solo quando si tratta dei nostri avversari politici.

Infatti riusciamo a leggere i messaggi WhatsApp del vicepresidente del Senato, ma non scoprire chi fra cinque tizi inutili di Casalnuovo ha reso pubblico un video porno.

Sembrerà strano, ma negli Stati Uniti non processano il “sessismo” o il “web” su Facebook quando un video privato porno viene diffuso in rete. Processano il tipo che lo ha diffuso. Perché vivono in uno stato di diritto in cui le azioni hanno conseguenze dirette se sono illegali. Pubblicare video privati si chiama revenge porn e ti porta dritto a 18 anni di galera.

In Italia usiamo Selvaggia Lucarelli.

Il paradosso è che continuando con la retorica del è colpa del web e della società chi vorrebbe aiutare le ragazze come la Cantone aiuta in realtà chi distrugge le loro vite. Perché permettono di spostare il mirino dell’attenzione pubblica da chi diffonde il revenge porn, insomma da delle persone vere che potremmo punire e fermare, a dei concetti.

Le reazioni alla morte di Tiziana Cantone sono considerazioni da preti cattolici, anzi, peggio, provengono da persone che probabilmente si vantano di non essere credenti, ma che subiscono inconsapevolmente la morale cattolica. Il male non ha forma umana, non vive dentro una sacca di carne che consuma sangue e ossigeno. Chi ha distrutto la vita di Tiziana Cantone non è una persone che passa il capodanno guardando Carlo Conti su RaiUno, no, chi l’ha ammazzata è la società moderna. Siamo tutti colpevoli quindi siamo tutti innocenti.

Non andiamo a prendere il tipo che ha spezzato la fiducia di Tiziana Cantone. Scriviamo che è morta perché “è una donna”. Avete ragione, fosse stata un uomo non si sarebbe ammazzata, infatti noi uomini abbiamo una ghiandola sotto la prostata che ci impedisce di provare vergogna quando veniamo visti nudi da milioni di persone contro la nostra volontà. È di fianco a quella che ci permette di avere stipendi più alti rispetto alle nostre colleghe.

Certo la vita è uno schifo e sicuramente per una donna fa ancora più schifo, ma forse più che le ineguaglianze esistenti nella nostra società ha magari contribuito maggiormente nel suicidio l’essere stata condannata qualche giorno fa a pagare 20.000 euro di spese legali in favore dei siti che diffondevano il suo video privato per incassare introiti pubblicitari? Probabilmente no. Nessuno ha suggerito questo. Anzi, no, lo ha dichiarato la madre di Tiziana Cantone a Repubblica. Ma la madre della vittima cosa può sapere più di Saviano? Dare la colpa alla sentenza di un giudice è meno sexy degli slogan a favore della pace del mondo e dell’abbracciare gli alberi. Meno retweet.

La morte della Cantone sarebbe potuta servire per introdurre anche da noi una legge sul revenge porn. Ma non avverrà perché nessuno ne parla. Anche quando, se, capiremo chi ha reso pubblici quei video il massimo che si potrà fare sarà una condanna per diffamazione. È infatti un reato diffondere video porno privati in Italia solo quando i protagonisti sono minorenni.

È quello che accade quando a difenderci non abbiamo i “cani da guardia del potere”, ma i social media manager della Ceres.

Matteo Lenardon

Written by

Writer. Su Twitter @bknsty

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade