MARCO LAVANNA: FORNIRE SISTEMI DI PAGAMENTO ALLE IMPRESE NON ADEGUATAMENTE SERVITE.

Monetum Ita
May 9, 2019 · 7 min read
Marco Lavanna

Simon Cocking ha intervistato Marco Lavanna che parteciperà e sponsorizzerà il cocktail event alla Monaco Blockchain Conference, il prossimo 31 maggio.

Qui l’articolo originale.

Prenota qui i biglietti per la Conference https: // bit.ly/2JoHC3E e guarda sull’evento qui.

1 minuto per parlarci di quello che stai facendo ora.

Abbiamo due società a Malta che forniscono servizi di pagamento a imprese non adeguatamente servite. Paytah.com è un’istituzione per i pagamenti con licenza dell’UE che offre pagamenti peer to peer; Monetum.io è un exchange fiat-to-crypto che opera sotto una licenza provvisoria di Classe IV ai sensi del “Virtual Financial Asset Act” di Malta.

Paytah è in grado di offrire conti bancari IBAN a società e individui in settori ad alto rischio, come rimesse di denaro, gaming e criptovaluta. Questi tipi di aziende hanno difficoltà a ottenere conti bancari a causa del “derisking”. Specializzandoci nella gestione dei rischi e addebitando commissioni adeguate, siamo stati in grado di servire queste società e coprire i costi operativi nei primi sei mesi di attività.

Monetum servirà in Europa la domanda di exchange fiat-to-crypto completamente regolamentati. Attualmente, ci sono solo nove crypto exchange regolamentati nel mondo, e quelli europei sono concentrati a Londra e in Estonia. Se si dovesse verificare la Brexit, i residenti dell’UE potrebbero ritenere che la loro scelta di exchange sarà molto limitata. Monetum servirà quella necessità.

Com’è andata l’anno scorso, cosa ha funzionato bene, cosa non si è mosso così velocemente come avresti voluto?

Paytah ha iniziato il processo di richiesta di una licenza PSP quattro anni fa. Alla fine è stata concessa e abbiamo aperto i battenti nel novembre del 2018. Ci ha colto un po di sorpresa il modo in cui i servizi bancari sono fortemente ricercati dalle società che attualmente sono bloccate dal sistema bancario tradizionale a causa del derisking. Si tratta di aziende legittime, ma il loro profilo di rischio non è attraente per le banche, perché in genere non hanno necessità di prestiti. Questo problema è fortemente sentito a Malta, in quanto sono presenti oltre 500 compagnie di gaming dotate di licenza, e ora stanno promuovendo l’isola come hub per le crypto. Ma le banche maltesi non apriranno conti a società o individui connessi con il settore crypto. La richiesta di questo servizio è così elevata che siamo stati in grado di coprire le nostre spese operative grazie ai ricavi derivanti dalle fee, il che è insolito per una start-up nel suo primo anno di vita.

Speravamo di poter lanciare Monetum nello stesso periodo di Paytah, come exchange crypto interamente negoziato sul mercato. Tuttavia, gli exchange crypto sono un ordine di grandezza più complessi dei servizi di pagamento. La maggior parte del valore generato nel settore della criptovaluta negli ultimi dieci anni deriva dagli exchange. Stiamo adottando un approccio cauto, assicurandoci che quando apriremo sia disponibile una piattaforma ben progettata e accuratamente testata, la cui sicurezza e governance siano appropriate per gli asset che i clienti affideranno alla nostra fiducia.

Quali sono i tuoi piani per il futuro?

Paytah intende continuare a sviluppare connessioni, clienti e servizi per gruppi e aziende non adeguatamente servite. Abbiamo identificato gli unbanked in Europa come una grande popolazione sotto-servita che necessita di servizi di pagamento mobile. Per dare qualche prospettiva su questo, il volume dei pagamenti mobili solo in Kenya, uno dei paesi più poveri, è circa la metà dell’intero volume di transazioni di BTC. La popolazione totale di immigrati in Europa è di circa 80 milioni, il doppio della popolazione del Kenya e con un reddito pro capite molto più alto. Questo è un importante mercato non adeguatamente servito, proprio sotto il nostro naso.

Per raggiungere questo mercato stiamo sviluppando una versione mobile del nostro wallet. Più avanti quest’anno intendiamo stabilire contratti con una o più reti di agenti per fornire ricariche e prelievi di contante in tutta Europa.

A partire dal terzo trimestre, Monetum fornirà trading OTC tra Euro e le tre principali varianti Bitcoin: BTC, BCH, BSV; oltre a Ethereum (ETH). Riceviamo diverse telefonate al giorno dai clienti che chiedono questo servizio. Saremo in grado di fornire questo servizio in modo affidabile utilizzando Paytah come escrow per le transazioni in euro. Ciò garantisce che entrambe le parti siano state completamente identificate con lo screening KYC e AML e che la moneta fiat sia stata compensata e tenuta nel conto e l’operazione non possa essere annullata.

Monetum intende aprire l’exchange nel quarto trimestre. L’obiettivo primario è quello di servire i nostri attuali clienti. Piuttosto che fare un exchange che elenca centinaia di token, limiteremo la selezione ai pochi che vengono utilizzati per le aste di token, come ICO e ITO, e quindi richiedono un’elevata liquidità. Se EOS o un’altra blockchain diventeranno monete richieste per le ICO, potremo aggiungere anche quelle. Tuttavia, ci aspettiamo che l’industria finisca per allontanarsi dalle ICO. Come exchange regolamentato ci sposteremo semplicemente dove va l’industria e forniremo liquidità laddove sarà necessaria.

Non ci interessa la politica attorno a Bitcoin e non ci interessa chi sia o non sia Satoshi o quale sia il “vero” Bitcoin. La nostra principale preoccupazione è soddisfare le esigenze dei nostri clienti in modo affidabile. Se un sistema di pagamento funziona e ha una attrattività di mercato, lo listeremo e integreremo. Non escluderemo arbitrariamente i token a causa di questioni legate alle personalità o alla politica. Sarebbe un male per gli affari.

Cosa farai riguardo a questo evento?

Siamo uno dei dodici progetti selezionati da Allastair Lidel per la presentazione all’evento blockchain di Monaco organizzato da Black Phoenix Capital. Ken Griffith terrà la nostra presentazione, io (Marco Lavanna), sarò disponibile a rispondere alle domande a cena e al cocktail party, che stiamo sponsorizzando.

Cosa ti ha ispirato a partecipare?

Alastair ci ha contattato. Il nostro team ha partecipato a diverse altre conferenze blockchain in passato. La maggior parte di questi eventi vedeva startup che tenevano il pitch in una stanza piena di altre startup, ma pochi investitori.

Questo evento è diverso perché è stato organizzato da Black Phoenix Capital come un modo per presentare i loro progetti preferiti alla loro più ampia rete di investitori. Curando le startup che presenteranno, hanno creato un evento che non fa perdere tempo agli investitori o alle startup. Sembra essere un buon mix di progetti di qualità e veri investitori in un’ottima location!

Quali influencer e siti web segui per tenerti aggiornato sugli ultimi sviluppi?

Il mio libro preferito è The Power of Gold di Peter Bernstein. https://www.amazon.com/Power-Gold-History-Obsession/dp/0470091002

Nassim Taleb — https://twitter.com/nntaleb — La prospettiva di Taleb su “skin in the game” per gestire i rischi ed evitare gli eventi dei cigni neri è di fondamentale importanza per comprendere i rischi nei pagamenti e nel settore bancario.

Ian Grigg: http://financialcryptography.com — Ian è da tempo un’autorità nel campo della crittografia finanziaria le cui idee hanno influenzato le nostre scelte tecniche.

Bruce Schneier: https://www.schneier.com/ — Bruce ha una prospettiva pratica fondata sui temi della sicurezza informatica e della crittografia.

Tim Swanson: https://www.ofnumbers.com/ — offre una prospettiva critica su pagamenti e blockchain.

Zero Hedge: https://zerohedge.com — La loro prospettiva è utile perché non si bevono l’hype legato a blockchain, ma ne vedono le implicazioni pratiche.

Graham Wright: https://www.linkedin.com/in/grahamanwright/ Wright lavora nel settore delle MFI nei paesi in via di sviluppo e offre una prospettiva contraria e pratica, rispetto a molte delle assurdità che si vedono in questa industria.

In che modo le persone possono scoprire di più su cosa stai lavorando?

I nostri siti Web: paytah.com e monetum.io

Qual è il tuo background personale e come influisce sui tuoi progetti attuali?

Sono originario del nord Italia. Sono stato la prima persona della mia famiglia a frequentare l’università, dove mi sono laureato in Storia. Tuttavia, avevo il gene imprenditoriale e presi la decisione di fare affari invece che diventare un accademico. Dopo essermi laureato negli anni ’80, quando i telefoni erano fissi, avviai un’attività che aveva dei chioschi di telefonia in Italia che consentivano agli immigrati di effettuare chiamate. La vendetti dopo alcuni anni.

Negli anni ’90 fui uno dei primi utilizzatori di E-Gold, che fu la prima forma di denaro in Internet; e avviai un exchange E-Gold di grande successo, che fu molto redditizio. Quando E-Gold fu chiusa dal governo degli Stati Uniti nel 2008, fui uno dei pochi operatori di exchange che riuscì a ottenere tutti i suoi soldi indietro dal governo degli Stati Uniti (che aveva sequestrato tutte le riserve di oro di E-Gold), perché noi avevamo tenuto bene i registri e fummo in grado di fornire traccia di completa verifica per ogni centesimo elaborato attraverso il sistema.

Ho già gestito con successo un’attività di exchange, e ho una buona conoscenza dei rischi, oltre a quello che i clienti vogliono, ed è per questo che sono stato in grado di avviare questo progetto con il piede giusto.

Qual è la tua filosofia su blockchain e cosa può fare per il mondo?

Mentre la maggior parte delle aziende nel settore blockchain sembrano essere una soluzione alla ricerca di un problema, noi ci concentriamo principalmente sul servizio verso i clienti che devono accedere ai pagamenti. Scegliamo la tecnologia per soddisfare le esigenze dei nostri clienti, piuttosto che inventare una nuova e stravagante tecnologia e quindi cercare di costruire un business attorno ad essa. Quindi, penso che sia importante concentrarsi sui fondamenti del settore dei pagamenti e sulle esigenze e le caratteristiche demografiche della nostra base di utenti, piuttosto che sull’ultima mania nel mondo blockchain e criptovalute.

altro su Marco Lavanna — Fondatore e Presidente del Consiglio di Amministrazione

https://www.linkedin.com/in/marcolavanna/

Marco è stato attivo nell’universo delle valute digitali prima di Bitcoin. Ha gestito due dei più grandi scambi di E-Gold, una valuta digitale con sottostante in oro estremamente popolare alla fine degli anni ’90 e altre valute digitali in oro.

Successivamente è passato a lavorare per alcuni anni nelle soluzioni di pagamento tradizionali, dove ha creato un fornitore di servizi di pagamento di grande successo a cui è stata recentemente concessa una licenza di istituto di pagamento ai sensi della Direttiva sui servizi di pagamento dell’UE.

Tuttavia, senza mai dimenticare la sua passione per la valuta digitale, ha studiato e partecipato al fenomeno Crypto e ora è pronto a replicare il successo delle sue precedenti iniziative, con il progetto Monetum, Better Money.

INFO sul sito Monetum

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade