Gli ipocriti e la Banca d’Italia

ROMA 29/08/2005 — Romano Prodi interviene sulla questione Banca d’ Italia e ribadisce la compattezza dell’ Unione: «Su Fazio il governo si assuma le sue responsabilità — ha chiesto ieri il leader del centrosinistra — l’ Unione è unita su questo tema: vogliamo un cambiamento di regole e anche un cambiamento della gestione della Banca d’ Italia. Io chiedo, a nome di tutta l’ Unione, che il Senato venga convocato immediatamente per decidere sulla nuova legge sul risparmio». Le parole del professore sono arrivate poche ore dopo il comunicato in cui i capigruppo Ds, Gavino Angius e Luciano Violante, individuavano nell’ approvazione ddl risparmio lo strumento con cui intervenire sulla questione reinserendo «le norme sulla temporaneità del mandato al governatore della Banca d’ Italia e l’ attribuzione all’ Antitrust del controllo sulla concorrenza nel mercato bancario». Qui Tutto l’articolo de La Repubblica di allora. Alla luce delle accuse rivolte oggi a Renzi di aver commesso una follia istituzionale gravissima, “qualcosa di eversivo e inquietante” secondo l’auto-correttore Ferruccio de Bortoli, viene da ridere per non piangere

O non proprio

Che ipocriti.

Fazio è poi stato assolto dalle accuse giudiziarie, il che semmai mette in luce una ipocrisia più grande. Molti dei “richiedenti” la testa di Fazio, infatti, erano già passati o passeranno per gli stessi guai mediatico giudiziari di Fazio. Non hanno dato le dimissioni. Giustamente. C’era comunque da cambiare sia il Governatore che il sistema. Ma ci si muoveva, come Prodi fece, solo sotto tiro della magistratura e del processo mediatico. Fazio si dimise e il sistema in parte cambiò . La differenze?

Differenza 1: Durante la “gestione” di Visco sono quasi saltate 13 banche. Cari Napolitano, Veltroni, Zanda, Bersani e persino Padoan. 13 Banche ! Altro che Fazio. Non mi pare che il meccanismo di vigilanza dell’Istituto abbia funzionato. Il peggio si è evitato solo grazie al governo Renzi. I cretini continuano a guardare alle parentele di un consigliere, di un CDA della banca più piccola. Ma il controllore dove guardava?

Differenza 2 : La politica si muove stavolta prima della magistratura, ed il maggior partito di governo dice la sua, alla luce del sole, alla vigilia di un rinnovo e questo sarebbe eversivo? Sarebbe stato meglio che bocciasse ogni richiesta di cambiamento e appoggiasse la ricandidatura ?

Totò direbbe: ma mi faccia il piacere !

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.