Reazione e relazione (un post che parla di scrittura e chimica)

“You see, technically, chemistry is the study of matter, but I prefer to see it as the study of change: Electrons change their energy levels. Molecules change their bonds. Elements combine and change into compounds. But that's all of life, right?"

"Ecco, tecnicamente... la chimica è lo studio delle sostanze, ma io preferisco vederla come lo studio dei cambiamenti. Ad esempio, pensate a questo: elettroni, loro cambiano i loro livelli di energia; molecole... le molecole cambiano i loro legami; elementi... si combinano e cambiano in composti. Be', questa... questa è la vita, giusto?" // Walter White in Breaking Bad, Prima stagione.

La lezione poco partecipata è servita dal nostro Walt in una delle prime scene di Breaking Bad. Non resuscita i suoi studenti annoiati, ma ruba il cuore al pubblico di Netflix.

Il pubblico scopre, più avanti, che il destino “professionale” (e la sopravvivenza) di Walter dipenderà da fattori complementari come purezza, trasparenza ed equilibrio. E dalla presenza ingombrante di un piccolo libro: Leaves of Grass di Whitman.

A porposito di chimica: Breaking Bad è magnetico per un copy, ha una carica elettrica formidabile. Sono ore su ore di analogie furenti tra scienze esatte e il mestiere di scrivere ed i suoi nemici, che di esatto ha poco. Eppure.

Lettere e parole, giustapposte o contrapposte, così come gli elementi in laboratorio, provocano reazioni: sorrisi, dubbi, curiosità. Nel migliore dei casi affascinano, portano lontano. Eliminano barriere o impongono divieti. Vendono.

Image for post
Image for post
To W.W. My Star, my perfect silence.

Primo Levi era un chimico. Nel suo libro La chiave a stella, in un dialogo con un meccanico, dice: “Il mio mestiere vero, quello che ho studiato a scuola e che mi ha dato da vivere fino ad oggi, è il mestiere del chimico. Non so se lei ha un’idea chiara, ma assomiglia un poco al suo: solo che noi montiamo e smontiamo delle costruzioni molto piccole [...]."

Scrivere per il business (cioè, per vendere) funziona proprio così: serve a spostare nella mente di chi legge delle idee, più che delle informazioni un tanto al chilo. Serve a far sedimentare e crescere concetti utili.

Pensa alla parola menta: con cinque lettere scritte tocca tante aree sensoriali. Il suo profumo inconfondibile, generato da una molecola precisa, lo senti anche se non hai la pianta sotto il naso.

Image for post
Image for post
Menta su Unsplash

Lo porti con te. Ecco perchè una reazione riuscita si trasforma in una relazione memorabile. Le reazioni chimiche sono trasformazioni della materia. Implicano rotture che uniscono atomi e innescano legami, per creare nuove entità.

I passaggi di stato sono come passaggi di concetti da una testa a un’altra: trasferiscono energia, suggeriscono interpretazioni. Si tratta, in entrambi i casi, di una trasformazione fisica: infatti non si altera la sostanza, ma solo il modo in cui le particelle si legano.

Natura e scrittura: niente di utile succede per caso, tutto si esprime in formule e segni.

Luisa Carrada, citando a sua volta Paul Valèry, ci ricorda di accompagnare le parole per non lasciarle galleggiare nell'aria. Avere una traiettoria e un obiettivo. Essere economici, brevi, sintetici. In fondo la (foto)sintesi stessa, in natura, è una reazione.

Written by

Copy and soul, darkness and humor

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store