Bidtotrip, il crowdfunding fatto alla velocità della luce. Il dietro le quinte di un successo overnight.

Ebay per viaggi di lusso.

È una mattina di settembre a Londra, la pioggia si alterna al grigio del cielo. Da poche ore è andata live la campagna crowdfunding di Bidtotrip.

Bidtotrip e’ una startup nel mondo del travel che si propone di essere l’ebay dei viaggi. Una piattaforma di aste on line dove gli utenti possono vincere due notti ed un’esperienza in hotel 5 stelle lusso a prezzi folli, fino al 90% di sconto.

Noi di iStarter, l’acceleratote italiano a Londra, abbiamo seguito il team Bidtotrip dall’inizio dell’estate. Abbiamo convinto Sara, la bravissima Ceo, a lanciare in pochi mesi una campagna di crowdfunding su Seedrs ed i risultati ci hanno dato ragione.

100% del goal di raccolta ottenuto il primo giorno ad una valutazione pre-money di £1.2mln

La campagna partita con un goal di raccolta di £75k rimarrà aperta fino a £150k, attualmente siamo a £86.1k

Per quanto impressionante la velocità di raccolta, il vero successo sta nella valutazione. Parlo in questo momento agli startupper italiani, chi di voi, con £30k di revenues può immaginare di raccogliere in meno di 3 mesi ad una valutazione di oltre €1.6mln? Sara sta finanziando il suo progetto dando via tra il 5 ed il 12% della sua azienda.

Non meno importante, una campagna di crowdfunding è un’enorme vetrina per il proprio progetto. Offre visibilità sul portale, curiosità dei media e crea un effetto network tra gli investitori del crowd che diventano i primi ambasciatori de progetto in cui hanno investito.

Troppo bello per essere vero? In effetti sì, concedetemi altri 5 minuti per raccontarvi il duro lavoro che si nasconde dietro questo risultato.

1. Preparazione

Quando a metà estate abbiamo iniziato a lavorare su business plan, financials e pitch deck abbiamo preso tutto quello che c’era ed era stato fatto e lo abbiamo messo in discussione. Il Ceo e tutto il suo team sono stati magnifici nel darci fiducia e l’iterazione a volte anche violenta ci ha portato ad impattare in maniera sensibile sul set documentale e più importante sulla strategia. Sono nate così nuove aste, un’offerta più completa e tante domande che con questo round di finanziamento andremo a rispondere.

2. Definizione con la piattaforma

Con i documenti in dirittura d’arrivo, abbiamo approcciato le piattaforme con le quali abitualmente iStarter collabora. Abbiamo preferito Seedrs a CrowdCube e CrowdBnk perché, in una certa misura, più solidi sui progetti digital. Forti di un set documentale ben strutturato, la negoziazione con la piattaforma è stata relativamente agevole. La due diligence è stata scrupolosa e l’imprenditore è stato bravo a non far mai arenare il processo.

Mentre le negoziazioni con Seedrs si concretizzavano, Bards, l’agezia creativa nella quale iStarter ha investito, si concentrava alla creazione degli assets creativi e del video in particolare.

3. Generazione opportunità

Aspettando la luce verde di Seedrs, siamo partiti sulla fase che noi chiamiamo di pre-market. Abbiamo aperto a Sara il network di iStarter il cui fulcro è rappresentato dalle connessioni dei 67 equity partner. I partner iStarter, non sono solo i primi investitori in iStarter stessa, sono business angels o investitori istituzionali, sono manager di aziende di rilievo, sono imprenditori di successo.

Ogni lunedì mattina abbiamo fatto il punto con Sara delle introduzioni fatte e di quelle che nella settimana sarebbero partite. Le abbiamo segnalato i principali eventi a Londra dove incontrare i più importanti angels investors Europei.

Grazie a questo sforzo titanico, una parte considerevole del goal di raccolta era già sul tavolo ancora prima di andare live.

Conclusione

Il merito di questo risultato è dell’imprenditore e del suo team. Come iStarter siamo contenti di aver agevolato questo risultato. Quest’anno abbiamo seguito campagne di successo ed altre che non hanno raggiunto il goal.

Londra come base per una campagna di crowdfunding è un’opportunità vera e praticabile in una fase seed. Bisogna maneggiare con cura per non bruciarsi, ma l’opportunità per una startup Italiana è ghiotta.

Bidtotrip è live, se volete investire o curiosare: www.seedrs.com/bidtotrip

– –

Simone Cimminelli, Md iStarter. Twitter @cimminelli | email simone@istarter.co.uk

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.