Riva

Sento buchi e tagli

Nascono colori dalle spume feconde

Dalle onde che audaci

si accasciano

Su di me,

Morte

Sento il pensiero

Che ora scalda

ora gela

E le correnti in cui nuoto

Sono le parole

mani sulle più dolci forme

E questa roccia è il mio rifugio

Il blu più scuro in cui riposo

In cui l’inchiostro bolle

E riscalda le mie ossa fino a scioglierle

E fuggo dalle vostre prigioni

E cerco solo il tuo caldo

E cado in te,

Che potresti spezzarmi con il fiato

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.