Oltre il 23. Fare e raccontare il lavoro pubblico
Pierluigi De Rosa
41

Si sono d’accordo con te, dopo 28 anni di militanza in un grande comune del sud Italia.

Appartengo alla categoria dell’engagement e cerco, come attitudine, di fare rete con colleghi nel modo di migliorare e innovare il modo di lavorare. Perché oltre ad essere dipendente pubblico sono cittadino che ha a cuore l’efficienza dei servizi pubblici.

Raccontare il lavoro pubblico con i social è una via da seguire. Ma non è facile. Molti dirigenti e dipendenti aspettano delle regole comuni che ancora la propria amministrazione non gli ha dato. Perché spesso le figure apicali di un amministratore pubblica non sono vicine o sensibili alla comunicazione nei social network. Questo è uno dei fattori che rallentano molto la voglia di comunicazione degli uffici nei social. Ed è un ostacolo da superare. Magari l’AGID dovrebbe emanare linee guida per l’uso dei social da parte degli uffici, con regole uguali per tutte le PA italiane. Questo potrebbe agevolare l’uso dei social da parte dei singoli uffici.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.